26apr 2021
Venchi 1878 - Cacao Pulp, il nuovo gelato sostenibile
Estratto dal succo di cacao

Novità golosissima in casa Venchi. Il marchio torinese pluripremiato che da 140 anni delizia gli amanti del cioccolato, da sempre ha nel suo DNA l’idea di sperimentare strade nuove con un occhio alla sostenibilità. Constatando che del frutto del cacao, detto cabossa, solo il 25% della polpa viene utilizzato durante la fermentazione dei semi, le “fave”, ed il 75% viene buttato, i maître chocolatier della casa torinese hanno pensato come utilizzare questo “scarto”. Dopo una serie di ricerche è nato un succo estratto dalla polpa, zuccherino e dalle molte proprietà benefiche. Nasce così questo gelato dal gusto assolutamente inaspettato di frutto esotico, pera, litchees e agrumi, molto rinfrescante e delizioso (1 - 2). Viene presentato come novità declinato in tre tipi di prodotti. Un gelato dall’aspetto bianco come la polpa ricoperto di cacao in polvere, uno shake molto dissetante ed ideale per i primi caldi ed infine una pralina di cioccolato (3 - 4) fondente con un cuore di sorbetto di polpa, ricoperto da croccanti semi di cacao tostati (5), che gli danno l’effetto crunch. Golosissimo e sano, vegan friendly, rifinito con granella di nocciola, pistacchio, nougatine, da gustare come snack e dessert. Il nostro assaggio ha confermato la bontà e originalità del prodotto, di grande freschezza equilibrato e intrigante. Da non trascurare la grande sostenibilità del prodotto, che in un circolo virtuoso, permette di utilizzare tutto, in piantagioni certificate in Ghana, che è il secondo produttore mondiale di cacao. Rimuovendo ed utilizzando la polpa in eccesso si riesce anche ad accelerare la fermentazione dei semi di un paio di giorni. Una filiera naturale e sostenibile, per un nuovo modo di gustare il gelato che non esistiamo a definire rivoluzionario oltre che buonissimo. Già disponibile in tutti gli store Venchi, presenti in 350 punti vendita sparsi per tutto il globo. Provatelo, sarà la novità della bella stagione e lo amerete incondizionatamente come è successo a noi. 

 

Altre info:

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Un cliché decisamente intramontabile quello del plaid, caldo, “fluido” nel senso di trasportabile ovunque, sulla poltrona davanti alla tv, in camera da letto anche se la casa è ben riscaldata (1). Cosy è cosy, e sopratutto sta bene là dove si dimentica, senza compromettere lo stile domestico, qualunque esso sia: lo si getta sul divano, lo si riprende, si piega, si ripone nell'armadio, il più delle volte ritorna etc… Mai senza! Come il mitico tubino nero.  E a seconda dei propri fantasmi invernali, lo si può accompagnare a una vellutata fuma...