19nov 2022
Sushi Daily: il Giappone in tavola
220 “chioschi “ in Italia

Realtà internazionale con 1000 “chioschi“ nel mondo e 220 in Italia, Sushi Daily, marchio di successo del gruppo KellyDeli, dal nome dalla sua fondatrice Kelly Choi, inaugura un nuovo corso della sua crescita nel nostro Paese (1) con spazi innovativi, nuovi concept e per la prima volta anche un’importante campagna pubblicitaria televisiva. Entro dicembre, saranno 10 i nuovi concept aperti nel 2022, oltre a 20 punti vendita tradizionali. Recentemente è stato inaugurato un nuovo spazio a Orio Center, il grande mall posto di fronte all’aeroporto omonimo, in provincia di Bergamo. Se da una parte richiama il tradizionale sushi bar giapponese (2), dall’altra risulta essere una boutique gourmet dove acquistare una composizione secondo i propri gusti. I “chioschi“, come vengono chiamati i punti vendita Sushi Daily, dal design tipicamente orientale, sono invece situati all’interno di supermercati o in zone ad alto traffico pedonale, sviluppando anche il canale delivery e take away con 5 cucine da cui fare ordini nella città di Milano. A dimostrazione del ruolo chiave dell’Italia per la crescita internazionale, vi sono ben due connazionali come manager a guidare il successo della catena Silvano Del Negro e Massimo Mezzanotte (3), rispettivamente CEO e AD del gruppo. “Stiamo proseguendo nella crescita della catena sia all’interno della grande distribuzione, sia nei nuovi concept store nelle gallerie commerciali“ - ha spiegato Massimo Mezzanotte in occasione della presentazione alla stampa (4); “Oltre a questo, stiamo valutando con interesse di posizionare il nostro prodotto in canali diversi rispetto a quelli in cui siamo sempre stati storicamente, studiando nuovi punti vendita basati sulle diverse culture delle cucine asiatiche”. Sushi Daily nasce nel 2010 grazie all’imprenditrice di origini coreane Kelly Choi che ha imparato il know how dal famoso maestro di sushi Yamamoto San. Sin da allora, viene offerto tutti i giorni sushi handmade di altissima qualità con ingredienti scrupolosamente selezionati come abbiamo potuto direttamente assaggiare. Tutte le fasi di preparazione sono eseguite nei chioschi, dalla cottura del riso, al taglio di verdure e pesce fino alla fase finale di assemblaggio del sushi (5), maki, nigiri etc. dalle più tradizionali alle più creative. Una vera e propria arte, che si esplica anche nella preparazione della tavola perché non basta fare un buon sushi, bisogna anche saperlo servire. Mise en place (6), impiattamento e corretta profumazione dell’ambiente sono i 3 capisaldi di un galateo di servizio che aiuti ad attivare i cinque sensi e creare la corretta atmosfera. Tutto ciò ci è stato spiegato dalla table designer Kazuyo Komoda, dalla food stylist Giovanna Hoang e da Laura Favaretto parfum designer. La mise en place deve essere secondo Kazuyo - “prima di tutto eleganza che si ritrova nei piatti di ceramica giapponese e nei bicchieri art nouveau e art d’eco acquistati nei mercatini d’antiquariato“. “Per noi giapponesi” - ha proseguito Kazuyo “è raro abbinare il sushi con i piatti bianchi perché non fanno esaltare i colori degli ingredienti“; “potrebbe risultare curioso ma alla fine dell’Ottocento la reciproca contaminazione tra stile dei bicchieri Baccarat art nouveau e porcellane cinesi era di gran moda sia in Francia che nel Paese del Sol Levante. Persino il grande scrittore Haruki Murakami ne parla nel suo romanzo Assassino del commendatore“. Giovanna Hoang, fondatrice del blog “La petite Xuyen“, invece, suggerisce di impiattare il sushi in modo semplice, caratterizzando la composizione con fiori, germogli e altri ingredienti vegetali, “per creare armonia ed equilibrio tra colori e sapori e rendere il sushi ancora più seducente“. Laura Favaretto, per quanto riguarda le essenze e fragranze dedicate all’ambiente, consiglia le note dello zenzero abbinate ad aloe, tè verde, yuzu, sandalo e il salino del mare per creare “un legame tra i luoghi lontani ed il sushi, diventando un vero e proprio richiamo tentatore“. Con questi semplici consigli, sarete in grado di apprezzare ancor di più l’eccellenza di Sushi Daily, cercando “il volto della qualità“, a dichiararlo è la fondatrice Kelly Choi

 

Altre info:

 

1

2

3

4

5

6

Photo Credits

Photo 1 : Nick Zonna
Photo 2 : Nick Zonna
Photo 3 : Nick Zonna

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Si sgranocchia, si assaggia (1), ci si abbraccia, si ride, si affetta, si sbuccia, si piange per le cipolle (solo per quelle?), si improvvisano prodezze culinarie (2), si “ruba” un calice di rosso prima che il pranzo (3) abbia inizio, si adagia il panettone sul piatto di portata, la salsiera d’argento? e, finalmente, si ode “a tavola!”, un eco, non solo profumato, che si diffonde in tutta la casa e accarezza gli animi (e la gola) dei commensali che, lesti, trovano posto al convivio solenne (4).   Lo avete capito, spaccati di vita...