26set 2022
Milano Garibaldi - AperiNio: Dispensa Emilia e la mixology di Nio Cocktails
In scena un aperitivo very cool

Dispensa Emilia (1) il format di grande successo nato nel 2004 per portare a tutti, in chiave innovativa, la vera cucina emiliana di qualità a poco prezzo, ha pensato ogni giovedì fino al 6 ottobre dalle ore 18, nel locale di piazza xxv aprile 12, in zona Garibaldi, un intrigante mixing match tra tigelle, gnocco fritto e i miscelati di Nio Cocktails (2 - 3) per un aperitivo moderno e tradizionale al tempo stesso. AperiNio è un “matrimonio gastronomico“ pop e divertente, in perfetta linea con il pairing tra food e mixology di grande attualità. La formula proposta permette di abbinare ad esempio Negroni con Tigelle o Gin Proved con Gnocco Fritto (4) e Crudo di Parma Dop, ma anche scegliendo dal ricco menu di Dispensa Emilia che comprende pure salumi, formaggi, tagliatelle, tortellini che ben si sposano all’inedito incontro con Vodka Sour, Daiquiri, Whisky Sour o l’analcolico Virgin Bitter. L’intrigante proposta di Nio Cocktails è aver unito nelle dosi corrette gli ingredienti dei miscelati più famosi in comode bustine a cui basta aggiungere il ghiaccio per gustare a casa un aperitivo come nei bar più trendy. Prodotti di alta qualità quelli di Dispensa Emilia realizzati in un centro produttivo a Modena, La Cucina della Dispensa, che tratta solamente ingredienti freschi, cucinati nei ristoranti al momento dell’ordine. La vera protagonista è la tigella, in una ricetta esclusiva fatta di acqua, farina e tanta passione che consente di dar vita a golosi dischi farciti in diverse versioni classiche, ortolane, sfiziose sino alle imperdibili con battuto di lardo e grana tradizionale, la Bolognese con ragù e la Baciami Ancora con cipolle caramellate al balsamico. Non perdete questo AperiNio. E' una vera delizia! 

 

Altre info:

 

1

2

3

4

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Si sgranocchia, si assaggia (1), ci si abbraccia, si ride, si affetta, si sbuccia, si piange per le cipolle (solo per quelle?), si improvvisano prodezze culinarie (2), si “ruba” un calice di rosso prima che il pranzo (3) abbia inizio, si adagia il panettone sul piatto di portata, la salsiera d’argento? e, finalmente, si ode “a tavola!”, un eco, non solo profumato, che si diffonde in tutta la casa e accarezza gli animi (e la gola) dei commensali che, lesti, trovano posto al convivio solenne (4).   Lo avete capito, spaccati di vita...