20set 2021
Milano - Identità Golose is back!
Il tema: “Costruire un Nuovo Futuro: il Lavoro”

Il palcoscenico della cucina che verrà sta per andare in scena nel capoluogo lombardo dal 25 al 27 settembre. Si alza, infatti, il sipario su Identità Golose (1): tre giorni dedicati al mondo della Cucina d’Autore e dell'ospitalità. Al centro congressi MiCo, sarà possibile scoprire il futuro della ristorazione (2). La 16° edizione del congresso internazionale di Cucina d’Autore, Pasticceria e Servizio di Sala finalmente in presenza, inviterà relatori e visitatori a riflettere intorno a un tema di urgente attualità Costruire un Nuovo Futuro: il Lavoro. 

Al centro degli incontri ci sarà il dibattito su un settore duramente colpito dalla pandemia, con perdite pari a oltre 40 miliardi di euro dal 2020 a oggi, ma si parlerà anche di coloro del settore che hanno saputo reinventarsi e di chi è ripartito e sta ripartendo con idee e formule innovative: tanti e importanti gli spunti di riflessione da condividere dopo questo nuovo avvio, per non fermarsi mai più. 

Per Paolo Marchi e Claudio Ceroni, ideatori di Identità Golose, nel prossimo futuro “sarà sempre più necessario agire con intelligenza e disciplina perché non si va lontano con i locali aperti a singhiozzo e brigate da ricomporre. Il talento, la professionalità, il saper fare crescono solo se coltivati e custoditi. Guai a sacrificarli sull’altare del pressappochismo e della mancanza di programmazione.” 

Come di consueto, non mancheranno cooking show (3) e talk (4) che coinvolgeranno i nomi più importanti della ristorazione e dell’ospitalità italiana e internazionale (5), e anche del bartending, con Identità Cocktail, ormai consolidatosi come un appuntamento da tenere d’occhio. 

Confermata la partecipazione di professionisti di assoluto primo piano come Alain Ducasse, Mauro Colagreco, Joseph Roca, Joe Bastianich, Massimo Bottura (6), Carlo Cracco e Riccardo Camanini; e poi ancora Antonia Klugmann, Cristina Bowerman, Isabella Potì, Massimiliano Alajmo, Enrico Bartolini, Mauro Uliassi, Salvatore de Riso, Corrado Assenza, Davide Oldani, Franco Pepe, Moreno Cedroni, Pino Cuttaia, Matias Perdomo, Andrea Berton, Niko Romito, Enrico e Roberto Cerea, Ciccio Sultano, Philippe Léveillé e molti altri ancora. Senza dimenticare il mondo dell’ospitalità, presente con alcuni brand internazionali come Belmond, Les Collectionneurs (presieduto da Alain Ducasse) e Lungarno Collection della famiglia Ferragamo

Ampio spazio avrà il mondo della produzione, come il mondo della cultura e dell’informazione che gira intorno al cibo con gli interventi, tra gli altri, di Davide Rampello, direttore e curatore artistico, Gianmario Verona, Rettore dell’Università Bocconi, Leopoldo Gasbarro, Direttore di Wall Street Italia o ancora manager di caratura internazionale, ambasciatori del Made in Italy nel mondo, come Stefano Marini, Ceo di Sanpellegrino, Nicola Bertinelli, Presidente del Consorzio Parmigiano Reggiano e Giuseppe Lavazza Vicepresidente dell’omonimo gruppo che da oltre 120 anni è sinonimo di qualità e innovazione. 

 

 

INFO PER PARTECIPARE 

Il programma è ricchissimo. Per partecipare, sono in vendita i biglietti online. È possibile acquistare anche la mezza giornata con costi che variano tra i 50 e i 70 euro, oppure la singola lezione della sezione Identità Cocktail a 20 euro con possibilità di assaggiare le creazioni dei più interessanti maestri della miscelazione tra cui Agostino Perrone e Giorgio Bargiani del The Connaught di Londra,  bar n°1 al mondo secondo la classifica internazionale The World’s 50 Best Bars.

 

Altre info:

 

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

I colori cambiano e virano a toni come il bronzo, il giallo, l’arancio, accompagnando le giornate che si adombrano e si accorciano (1). Boschi e foreste si vestono di rosso e d’oro: è il loro momento di gloria regale. Benvenuto Autunno. Ritorna la voglia di intimità, di godere dei primi fuochi del caminetto accesso, di accoccolarsi sul divano e leggere un buon libro (o scorrere le pagine di Foodmoodmag). Ecco puntuale il desiderio di guardarci dentro (2), di captare l’essenziale, di dare valore ai dettagli, all’osservazione, mentre il tempo accelera la sua...