12nov 2022
Lunigiana: castagneti secolari e piatti della memoria
Un viaggio nel tempo, nel buon cibo e nella natura incontaminata

Autunno. C’è il foliage, così poetico, e poi ci sono loro, le castagne. Nutrienti, semplici ed energetiche, si possono definire frutti d’oro per l’indiscutibile apporto vitaminico, di sodio e fosforo. Profumano di genuino, di focolare d’autrefois, della nonna che ci preparava il cartoncino per la merenda. Arrostite o bollite, sono un’autentica leccornia tanto che, come le ciliegie, una tira l’altra. Con la differenza, però, che hanno un contenuto calorico elevato e vanno assunte con moderazione.

Una cultura quella del castagno (1) che percorre l’Italia da nord a sud, in Piemonte, naturalmente, ma anche in Emilia e in Veneto, passando per la Toscana fino alla Campania. E proprio di Toscana vogliamo parlare, riscoprendo una tradizione secolare, in Lunigiana - nel nord della regione, al confine con Liguria ed Emilia-Romagna - che ha sfamato intere generazioni anche in tempi bellici. Così, comuni come Fivizzano, forte di un esteso castagneto da frutto all’interno del parco Nazionale dell’Appennino Tosco-emiliano, insieme alla frazione di Sassalbo e al know how dell’ente Toscana Promozione e di Vetrina Toscana, da qualche tempo ormai, appoggiano e sostengono dei veri e propri percorsi dedicati alla piccola gemma bruna. Un’iniziativa che fa parte di un paniere molto più ampio e che vuole promuovere dal punto di vista turistico, gastronomico ed enologico, la Lunigiana DOP, un territorio di 1000 chilometri quadrati con 14 comuni. Al via quindi a passeggiate tematiche, divertenti ed istruttive guidate da esperti, pregne di bellezza e cultura che parlano di castagni secolari, della manutenzione degli stessi, di essiccatoi (2) a fumo (dove le castagne devono stare per 40 giorni e 40 notti), di battitura, di mulini e delle molte golosità a base di farina di castagne della Lunigiana DOP, tipiche di questo lembo tra Toscana e Liguria. Dolce e color nocciola chiaro, la farina di castagne, è molto versatile, priva di glutine, ottima per ottenere torte più morbide. O altre chicche come i tradizionali Cian, alias sottili crepes: farina, acqua e un pizzico di sale gli ingredienti. Ma è la particolare cottura a renderli unici. Vengono inseriti tra due testi, una specie di pentola composta da due parti solitamente in ferro e incandescenti. Il calore dei testi cuoce l'impasto che rimane fine e leggero. Deliziosi, si possono farcire con formaggi freschi oppure con miele e confettura di frutta. Un luogo dove assaporare questa bontà della memoria è il ristorante dell’Hotel “Il Sicomoro” Loc. Cormezzano di Fivizzano. Nella versione con ricotta locale (3) e insieme ad altri salumi misti lungianesi, nonché al castagnaccio, sono una vera sinfonia di gusto, con altresì un calice di Vermentino bianco dell’azienda La Maestà. E che dire della spongata? Torta gustosa e speziata, con una morbida frolla, ripiena di marmellata e frutta secca (4). Da preparare anche per il prossimo Natale. Un altro ristorante che ci sentiamo di suggerire a Sassalbo, Loc. Cormezzano di Fivizzano, è il Castagneto della Famiglia Fiorini, dove lo chef Mario Giannarelli (5) serve una Faraona ripiena di castagne (6) che crea dipendenza, nonché un dessert sublime a base di crumble, cacao, farina di castagne, mascarpone e China Clementi

Non so se è sufficiente per convincervi che la Toscana non è solo Chianti o Firenze (senza nulla togliere a queste due realtà straordinarie), ma la Lunigiana, che sia in bocca o andando per parchi antichissimi, incanta per davvero. Le sue variopinte sfumature naturali ed enogastronomiche sono magia pura.

 

Ecco alcuni link utili per il vostro prossimo tour in Lunigiana:

Promotore Tour:

Ambito Turistico Lunigiana – Unione di Comuni Montana Lunigiana

Web: https://www.lunigiana.land

FB: https://www.facebook.com/lunigianaofficial

Organizzazione Tour, DMC Lunigiana:

RTI Coop.ve AlterEco, Cristoforo, Sigeric

Accompagnamento:

Cooperativa AlterEco 

(Guida Francesca Malfanti) – 338.5814482 – segreteria@lunigianasostenibile.it

Ristorante Albergo Il Sicomoro

Loc. Cormezzano di Fivizzano (338 638 7073) 

Ristorante il Castagneto Famiglia Fiorini

Via Margine, Sassalbo, Fivizzano

ristorantefamigliafiorini@gmail.com

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Si sgranocchia, si assaggia (1), ci si abbraccia, si ride, si affetta, si sbuccia, si piange per le cipolle (solo per quelle?), si improvvisano prodezze culinarie (2), si “ruba” un calice di rosso prima che il pranzo (3) abbia inizio, si adagia il panettone sul piatto di portata, la salsiera d’argento? e, finalmente, si ode “a tavola!”, un eco, non solo profumato, che si diffonde in tutta la casa e accarezza gli animi (e la gola) dei commensali che, lesti, trovano posto al convivio solenne (4).   Lo avete capito, spaccati di vita...