18nov 2022
La Sardegna e i panettoni gourmet by Gian Piero Loddo
Da Ghilarza (OR), dolci meraviglie, ovunque sulle tavole delle feste

Tanti gusti, con ingredienti di eccellenza e non solo nel classico formato… Parliamo degli straordinari panettoni (1) del tempio della Pasticceria La dolce vita nell’oristanese (2), già nella Guida “Pasticceri e pasticcerie” del Gambero Rosso. Ma non è tutto… Il pastry chef ha partecipato, ben classificandosi, a diverse competizioni dedicate ai grandi lievitati tra cui la competizione Mastro Panettone di Goloasi e il contest promosso da Italian Gourmet, vincendo poi nel 2021 la Menzione speciale nella categoria Dolci del prestigioso Sardinia Food Award.

Al cioccolato, farcito al pistacchio, al limoncello, integrale, al passito, cioccolato e mirtilli rossi, al timo armidda e altri ancora… Sono quattordici i panettoni che quest’anno Gian Piero Loddo ha creato nel suo laboratorio: tradizionali o innovativi, lasciano il segno, con il loro gusto genuino, fine e delicato, fatti come sono con materie prime di altissima qualità. Il pasticciere sardo, che nel 2023 festeggerà 40 anni di attività, ha voluto anticipare i festeggiamenti proponendo una gamma di prodotti per tutte le occasioni festive legate al Natale: pranzi in famiglia, cene eleganti, tè con gli amici, colazioni speciali, merende golose, feste di veglione.

Vediamoli...

LA TRADIZIONE IN TAVOLA...

Si inizia con la referenza classica, ovvero il Panettone “tradizionale” (3), con la sua squisita glassa mandorlata, al panettone al cioccolato, con l’impasto ricco di prezioso cacao, antiossidante ed energizzante naturale, a quello integrale, per gli amanti della naturalità e schiettezza anche nei dolci.

 

CIOCCOLATO CHE PASSIONE...

Tanti i panettoni che propongono gustosissimi abbinamenti con il cioccolato: “Cioccolato e arancia”, “Cioccolato e amarena”, “Cioccolato e mirtilli rossi” (4). E ancora il panettone “Gianduioso”, caratterizzato dalla presenza del celebre Cioccolato fondente Sur de Lago al 72% e dallo squisito Cioccolato al latte Vidamà con una pregiata pasta di nocciole IGP delle Langhe.

 

E SE FOSSE TIRAMISU'?

Non poteva mancare il panettone farcito generosamente al tiramisù. Tra gli ingredienti dell’impasto le gocce di cioccolato al latte Vidamà, il caffè espresso naturalmente e il caramello, una coccola per il palato. La farcitura è con una splendida crema anidra al tiramisù. La glassa è al cioccolato al latte e caffè.

 

AGRUMI E DELIKATESSEN MADE IN SICILY...

Tra i farciti anche quello al limoncello, con una glassa al cioccolato bianco e all’amatissimo pistacchio siciliano (5), uno dei best seller del pastry chef, glassato al cioccolato bianco e pistacchio. Interessante anche il panettone “pistacchio e mandarino”, con un accostamento inedito di grande impatto gustativo.

 

SUA MAESTA' IL CARAMELLO, DELIZIOSO E INTRIGANTE...

Per gli appassionati di caramello il pastry chef ha messo a punto il panettone “fichi noci e caramello”, un accostamento azzeccato di ingredienti di altissima qualità.

 

L'ARMIDDA, IL TIMO DELLA TRADIZIONE POPOLARE SARDA

Esclusivo il panettone all’armidda, il timo selvatico, firmato con il marchio registrato Dulcarmidda, ideazione del pastry chef Loddo. Questo grande lievitato è caratterizzato da una farcitura e una glassa profumata al timo selvatico sardo, con profumi e sapori inconfondibili, di grande finezza, con un finale di freschezza al palato che non ha eguali nella pasticceria moderna.

 

PASSITO, NEL PANETTONE E' MEGLIO...

Il panettone al passito, altro best seller, è caratterizzato dalla particolarità che l’uva sultanina è messa a macerare nel famoso vino passito del Mandrolisai.

 

Tutti i panettoni sono prodotti in limited edition; si possono acquistare sia nello shop della pasticceria a Ghilarza (OR) oppure online direttamente sul sito QUI

 

Pasticceria La dolce vita - Ghilarza

Corso Umberto 259 Ghilarza (OR)

 

Altre info:

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Si sgranocchia, si assaggia (1), ci si abbraccia, si ride, si affetta, si sbuccia, si piange per le cipolle (solo per quelle?), si improvvisano prodezze culinarie (2), si “ruba” un calice di rosso prima che il pranzo (3) abbia inizio, si adagia il panettone sul piatto di portata, la salsiera d’argento? e, finalmente, si ode “a tavola!”, un eco, non solo profumato, che si diffonde in tutta la casa e accarezza gli animi (e la gola) dei commensali che, lesti, trovano posto al convivio solenne (4).   Lo avete capito, spaccati di vita...