24ott 2021
HostMilano - Panettone World Championship, presto svelati i campionissimi
I tre panettoni vincitori voleranno a Hong Kong

Tempo di panettoni (1) e di medaglie. Sono venti i finalisti che si stanno sfidando ora domenica 24 ottobre ad HostMilano, la fiera internazionale del food e della ristorazione: fra gli italiani due maestri internazionali Juan Manuel Alfonso Rodriguez - Confiteria Artiaga – Zapiola e Wu Pao Chun -  Wu Pao Chun Bakery - Taiwan. I tre panettoni che si aggiudicheranno il primo posto per la giuria tecnica, critica e popolare avranno l’opportunità di essere presentati con un evento a loro dedicato ad Hong Kong a novembre 2021. La presentazione sarà ospitata nel nuovissimo Central Market di Hong Kong e organizzata dall’Accademia dei Maestri del Lievito Madre e del Panettone Italiano in collaborazione con La Vin Investment Group Limited, società con sede a Hong Kong leader nel settore della ristorazione e del food, e l’imprenditore italiano (di Milano) che vive e lavora ad Hong Kong Michelangelo Guglielmetti. “In questo modo – spiega il Presidente Claudio Gatti - la manifestazione per eleggere il miglior panettone al mondo, giunta quest’anno alla seconda edizione, continua il suo viaggio offrendo una nuova opportunità per i vincitori del confronto internazionale”. 

La giuria Tecnica è formata da chef, pasticceri, panificatori: Maestro del Lievito Madre Maurizio Bonanomi (Presidente di giuria), Leonardo Di Carlo (2), Pastry Chef, Claudio Gatti (3), Presidente Accademia dei Maestri del Lievito Madre e del Panettone Italiano, Cristina Lunardini, Chef e personaggio televisivo, Davide Oldani, Chef 2 stelle Michelin, Ezio Marinato, Consulente esperto della panificazione, Paco TorreblancaPastry chef (Spagna).

La giuria della critica, invece, è formata da giornalisti e rappresentanti dei media del settore food e pasticceria: Luigi Cremona (4), giornalista enogastronomico e critico (Presidente di Giuria), Eleonora Cozzella (5), giornalista e critico enogastronomico per la Repubblica e Repubblica dei Sapori, ispettrice per la guida I Ristoranti d’Italia dell’Espresso, Margo Schachter, food and lifestyle editor insegnante a la Food Genius Academy e direttrice di Enjoy Living, Indira Fassioni, giornalista Tgcom24 e direttrice della testata nerospinto.it, Mariarosaria Bruno, giornalista gastronomica di Fine Dinig Lovers, Paolo Galliani giornalista settore pasticceria e food QN-Giorno-Carlino-Nazione e per l’inserto mensile Itinerari e per il magazine DOVE, Francesco Seminara giornalista e ideatore del programma radiofonico Soulsalad, scrive per La Repubblica e le Guide de L’Espresso.

La giuria popolare è formata da appassionati del settore pasticceria scelti attraverso candidatura spontanea: Marina Barboni, Stefano Capelli, Francesco Di Lauro, Marta De Micheli, Manuel Garea (6), Zoe Lelacqua, Giuseppe Matarazzo (in riserva Francisco Barone, Elena Billino, Mattia Scolè. 

Che vincano i migliori!

 

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Un cliché decisamente intramontabile quello del plaid, caldo, “fluido” nel senso di trasportabile ovunque, sulla poltrona davanti alla tv, in camera da letto anche se la casa è ben riscaldata (1). Cosy è cosy, e sopratutto sta bene là dove si dimentica, senza compromettere lo stile domestico, qualunque esso sia: lo si getta sul divano, lo si riprende, si piega, si ripone nell'armadio, il più delle volte ritorna etc… Mai senza! Come il mitico tubino nero.  E a seconda dei propri fantasmi invernali, lo si può accompagnare a una vellutata fuma...