13lug 2021
Firenze - Artigianato e Palazzo: “Ricette di famiglia”
Arte e cucina secondo 4 grandi direttori museali italiani

I fiorentini e non solo l’hanno già inserito in agenda. L’appuntamento imperdibile come ogni anno è quello della mostra Artigianato e Palazzo presieduta da Sabina Corsini con Neri Torrigiani, un vero cult che va in scena nel lussureggiante Giardino Corsini a metà settembre, dal 16 al 19, riunendo maestri artigiani di ogni dove. Un viaggio emozionante dove saperi legati alla tradizione e all’innovazione tra ceramisti, molatori del vetro, sbalzatori dell’argento e orafi, intagliatori, restauratori, sarti e molto altro regalano momenti di indubbio spessore culturale oltre che di bellezza. E anche la XXVII edizione si preannuncia ricca di sorprese straordinarie a riprova che alla creatività non c’è mai fine. Così si rinnova uno dei momenti più golosi della manifestazione “Ricette di Famiglia” curato dalla bravissima giornalista Annamaria Tossani che, in partnership con la Scuola di Arte Culinaria Cordon Bleu di Firenze e il brand milanese di design Fornasetti, promette un tuffo nella storia (1 - Da Sx Annamaria Tossani, Gabriella Mari e Cristina Blasi), nell’evoluzione dei costumi e della cultura gastronomica (2 - 3) del nostro Paese anche attraverso l’osservazione attenta e curiosa di importanti opere d’arte.

Arte e cibo (4) insieme, dunque, in fondo la cucina stessa è una forma di arte. Lo sanno bene i direttori di alcuni importanti Musei italiani che saranno chiamati a presentare ricette ispirate a celebri opere o a ricordi famigliari che diventeranno, tra l’altro, l’occasione per una riflessione sul recente fenomeno dell’ingresso dell’Alta Cucina nei Musei. “Il format pensato quest'anno per Ricette di Famiglia vuole essere un invito ad una riflessione sulla necessità che le strutture della ristorazione all'interno dei Musei italiani rispecchino la bellezza dei luoghi in cui si trovano divenendo anche loro ambasciatori culturali del nostro Paese” - dichiara la Tossani (5).

Natura morte, dunque, fonte di studio per i prodotti del territorio, certo ma anche spunto per approfondire usi e costumi, arredi tavola etc. Come quelli che proprio sabato 18 settembre, Martina Bagnoli, direttrice delle Gallerie Estensi proporrà con “Il mondo a casa. Di nature morte e piatti orientali”, una ricetta Coreana per il Bo Ssam – composta da un arrosto di maiale cotto a fuoco lentissimo - ispirata da due Nature Morte di Cristoforo Munari (Reggio Emilia 1667 – Pisa 1720) nella collezione della Galleria Estense.

O ancora giovedì 16 settembre con Stefano Casciu, Direttore Polo Museale della Toscana, che racconterà lo Strudel alle mele secondo lui, riferendosi alle nature morte del pittore toscano Bartolomeo Bimbi. Ma anche la lettura imprenditoriale non sarà da meno grazie all’opportunità di James M. Bradburne, direttore Generale della Pinacoteca di Brera che, domenica 19 settembre, attraverso la sua ricetta “O sole mio” a base di filettino di sogliola, gamberi crudi e zucchini, indagherà il rapporto arte e gastronomia in merito all’introduzione del servizio ristorazione all’interno del Museo. Altra figura di spicco Francesca Cappelletti direttrice della Galleria Borghese di Roma che presenzierà venerdì 17 settembre.

Il tutto condito dai superlativi piatti by Fornasetti della linea “Tema e variazioni”, finemente decorati a mano (6).

“Fornasetti è di per sé espressione dell’alta manifattura artistica e di quello che amo definire un “pensare con le mani”. Negli anni è sempre restata fedele alla propria vocazione e al suo modello artigianale, che significa trasmissione del sapere e libertà di creazione, e che permette di creare oggetti utili, che durano a lungo e che elevano l’immaginazione” - dichiara Barbara Fornasetti direttore creativo dell’atelier. Non resta che attivare il countdown per questa manifestazione sempre più stimolante nei contenuti e negli spunti. 

 

 

Altre info:

 

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Siamo di nuovo qui. In realtà non ci siamo mai fermati anche se da postazioni diverse, alias in remoto, chi dalla città e chi dal mare, in smart working ormai prerogativa di molti. Dopo la pausa vacanziera, il primo gesto è stato l’abbraccio (1), sì, quello vero, fisico, forte. Certo, tutti ancora “mascherati”, con green pass, emozionati, ma consci che il tempo sospeso della Pandemia è ormai in netta uscita. Ed eccoci pronti per un settembre “caldo” e ricco di eventi, da nord a sud, in presenza finalmente ...