10nov 2021
Christmas is in the air: Pasticceria Filippi di Vicenza
Il Panettone integrale, frutti di bosco e cioccolato

Il profumo del Natale arriva dal lievitato simbolo per eccellenza, il panettone. Ed eccoci di nuovo a parlare (previo assaggio) di questo prodotto immancabile per la ricorrenza imminente. Il protagonista prescelto per assolta bontà e qualità indiscussa è una gemma made in Vicenza: il Panettone integrale (1) con frutti di bosco e cioccolato al latte della storica Pasticceria Filippi (2) che già agli inizi degli anni ’70, a Zanè, sfornava dolci prelibatezze per la gioia dei fortunati avventori.

Una calda coccola, un confort food che non lascia indifferenti, il neo nato Panettone convince per il sapiente mix di materie prime dove il cioccolato al latte si unisce alla freschezza dei frutti di bosco in una sinfonia di gusto equilibrata e squisita al contempo. Una fetta tira l’altra, oltre ad essere ricco di ingredienti di qualità (3), vanta una lavorazione artigianale e un indiscutibile atout: la pasta madre (4) è realizzata con lievito naturale costituito da diversi ceppi di lieviti. Unico esemplare, è tenuto in vita e custodito gelosamente da più di quarant’anni: viene rinfrescato di giorno in giorno dal 1972 per creare dei lievitati dal sapore inconfondibile.

Basta questo per capire quanto tempo, ricerca e dedizione, modificando e riequilibrando la base del proprio panettone tradizionale, c'è dietro ognuna delle loro creazioni da forno. Si potrebbe di buon grado affermare che “la farina del proprio sacco” che li contraddistingue, rivelandosi in vere esplosioni di gradevolezza al palato, parla di storia e ineccepibile savoir faire (5). Non fa eccezione l’altra new entry per il Natale 2021, il Panettone al pistacchio in purezza (6). L'impasto ricco di burro e tuorlo d'uovo incontra "l'oro verde" al naturale, con proprietà antiossidanti, sali minerali e vitamine. La pasta di pistacchi da frutti freschi mediterranei, è inglobata in un velo di cioccolato bianco e pistacchi interi tostati: niente crema e altre particolari lavorazioni per un sapore garbato che non lascia spazio a dubbi. E se desiderate abbinarci un buon calice optate per un Recioto della Valpolicella o un Passito di Pantelleria

I vostri ospiti non se ne andranno tanto presto, garantito!

 

Altre info:

 

 

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Un cliché decisamente intramontabile quello del plaid, caldo, “fluido” nel senso di trasportabile ovunque, sulla poltrona davanti alla tv, in camera da letto anche se la casa è ben riscaldata (1). Cosy è cosy, e sopratutto sta bene là dove si dimentica, senza compromettere lo stile domestico, qualunque esso sia: lo si getta sul divano, lo si riprende, si piega, si ripone nell'armadio, il più delle volte ritorna etc… Mai senza! Come il mitico tubino nero.  E a seconda dei propri fantasmi invernali, lo si può accompagnare a una vellutata fuma...