13feb 2022
San Valentino - Senso Espresso, l'idea regalo per i Coffee Lovers

La festa degli innamorati (1) è alle porte: avete pensato a un regalo che esprima tutto il vostro affetto al partner? Quanti avranno iniziato la loro storia con un invito a prendere un caffè o parlando di libri, scoprendo i gusti letterari della persona che ci fa vibrare il cuore (2)? Sono due classici approcci che possono essere entrambi uniti in un inedito binomio. Senso Espresso Coffee. Style. Emotions il nuovo libro (3) presentato da Mumac, museo della macchina per caffè del Gruppo Cimbali ed edito da Antiga Edizioni fa proprio al caso vostro. Sia che siate coffee lovers, che semplici appassionati del Made in Italy, Senso Espresso è un viaggio che attraversa tutti i sensi: aroma, suono, vista, tatto, gusto accompagnano il lettore alla scoperta del tessuto imprenditoriale e culturale di uno dei cardini dell'Italian Way of Life, ambasciatore di uno stile di vita che mette al centro le relazioni e il piacere di stare insieme (4). Con la tazzina italiana quale protagonista indiscussa. Il volume (5) è un vero "must have" per collezionisti, studiosi e curiosi del mondo delle macchine per caffè espresso, ma anche per chiunque apprezzi l'arte, la bellezza e la cultura italiana del saper fare. I documenti, le fonti storiche, l'apparato iconografico sono tratti in larga parte dall'archivio e dalla biblioteca del Mumac con il contributo di altri enti, fondazioni e musei d'impresa, facendone un'opera corale disponibile nello shop corner del museo, nelle migliori librerie fisiche e online. Il museo della macchina per caffè, meritevole di una visita, è situato in via Neruda 2 a Binasco, in provincia di Milano ed è la più grande esposizione permanente dedicata alla cultura delle macchine professionali per caffè istituita dal 2012 dal Gruppo Cimbali. Quest'anno il suo decennale. 

 

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Si sgranocchia, si assaggia (1), ci si abbraccia, si ride, si affetta, si sbuccia, si piange per le cipolle (solo per quelle?), si improvvisano prodezze culinarie (2), si “ruba” un calice di rosso prima che il pranzo (3) abbia inizio, si adagia il panettone sul piatto di portata, la salsiera d’argento? e, finalmente, si ode “a tavola!”, un eco, non solo profumato, che si diffonde in tutta la casa e accarezza gli animi (e la gola) dei commensali che, lesti, trovano posto al convivio solenne (4).   Lo avete capito, spaccati di vita...