17set 2021
Milano Wine week - Il vino conquista la città dal 2 al 10 ottobre

Grandi novità quest’anno per la nuova edizione della Milano Wine Week (1 - 2). Nove giorni con centinaia di appuntamenti, con dieci Wine district (3) abbinati ad altrettanti consorzi, un collegamento in contemporanea con altre undici città internazionali, una nuova app (4) e tanto altro ancora per raccontare la ripartenza del mondo del vino. Un approccio inedito e trasversale per il settore che utilizza la tecnologia per ampliare il suo raggio di azione, creando non solo una serie di degustazioni e masterclass, ma anche un approccio business, dedicato a 250 aziende che consentirà l’incontro con tutti gli operatori del settore. Federico Gordini, ideatore della manifestazione, durante la conferenza stampa di presentazione (5) ha affermato che “questa quarta edizione segna un momento fondamentale di ripartenza per l’intero comparto dopo un periodo difficile e proprio per questo sarà davvero una edizione speciale”. Per potersi orientare tra le centinaia di proposte (6) è stata creata una nuova app battezzata W, come Wine, ma anche come world, di grande utilità sia per il pubblico che per gli operatori, creando itinerari ad hoc legati alle altre eccellenze della città meneghina, quali moda, design, arte e ristorazione. Straordinaria, ad esempio la digitalizzazione delle carte dei vini dei locali coinvolti, divenendo la prima città al mondo in cui sarà possibile scegliere dove cenare in base all’etichetta vinicola che si vuole consumare. Il brindisi di apertura, ancora una volta organizzato da Trento Doc, coinvolgerà quattro rooftop milanesi, con fulcro principale Palazzo Bovara, in Corso Venezia. Trasmesso anche in diretta streaming su Rds RadioTv, per raggiungere il maggior numero di persone, amplificando la collaborazione con Fondazione Humanitas, il prestigioso ospedale ed istituto di ricerca con lo scopo di creare un fundraising a sostegno del progetto Hippo, dedicato ai ricercatori post dottorato, cercando di attrarre giovani ricercatori di di talento, italiani e stranieri. Una formula della Milano Wine Week che è sempre risultata vincente è quella degli Wine District, in cui in 10 importanti quartieri della città saranno presenti prestigiose tipologie di vino. Il Franciacorta in zona Brera, Garibaldi, Solferino. Asti e moscato d’Asti in Sempione, Arco della Pace. Prosecco Conegliano Valdobbiadene a Porta Nuova, Gae Aulenti. Lugana a Porta Romana. Oltrepo in zona Eustachio, Plinio. Brunello di Montalcino in Galleria Vittorio Emanuele. Valpolicella a Marghera Sanzio. Chianti ai Navigli. Abruzzo a Porta Venezia. Liguria in zona Isola. Un ricco calendario di masterclass nel cuore pulsante della manifestazione, a Palazzo Bovara, in collegamento con i sette mercati più importanti al mondo, USA, Canada, Uk, Russia, Cina, Giappone, Hong Kong, in ben 11 città internazionali, dimostrano che la Milano Wine Week è ormai presente a livello globale ed il prestigio che ha saputo conquistarsi in sole quattro edizioni. Gli Wine Tour, lanciati lo scorso anno, visto il grande successo ottenuto, saranno ampliati, includendo una selezione di territori con transfer in partenza dalla città. Due esempi: Ca’ Maiol, del gruppo Santa Margherita, azienda leader del Lugana a Desenzano del Garda e Guido Berlucchi a Borgonato di Corte Franca che festeggia i 60 anni dalla creazione del Franciacorta. Sarà presentata inoltre la Guida Slow Wine 2022 con una imperdibile degustazione di ben 1400 etichette, aperta al pubblico. Pasqua vini a Base Milano creerà una gigantesca opera immersivi site specific. Altro fiore all’occhiello la presenza di Greg Lambrecht di Coravin, l’innovativo è rivoluzionario sistema di mescita, che permette di mantenere il vino perfetto anche per lungo tempo, impedendo la ossidazione e che presenterà una versione per gli sparkling wines (bollicine). Una brillante intuizione di quest’anno è inoltre la creazione della Glass Week, che permetterà di scoprire l’affascinante e imprescindibile mondo del vetro, fondamentale per poter degustare il vino. Un calendario eccezionale, ricchissimo, da godere in tutta sicurezza con le norme anti covid è una partnership con Philips che installerà ben 80 dispositivi per la disinfezione e purificazione dell’aria. Tutto è pronto per una edizione indimenticabile in cui sarà un must essere presenti. 

 

Altren info:

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Non vi è mai capitato di buttare l’occhio nel carrello della spesa di chi vi passa accanto il sabato pomeriggio (1) o di osservare i prodotti scorrere sul nastro di chi vi precede alla cassa? Ebbene sì! La nostra shopping experience al supermercato racconta molto di noi. Io mi pongo sempre le stesse domande: le persone sono realmente consapevoli di ciò che comprano? Da dove arriva quella carne? Quanti di loro dedicano qualche minuto alla lettura (se pur non così ovvia) delle etichette? I mandarini proposti a metà prezzo sono realmente gradevoli al palato? E’ giusto...