22apr 2023
Milano Design Week 2023, i nuovi prodotti di Ceado
Azienda leader nelle macine da caffè e attrezzature da bar

Da sempre il Fuorisalone della Milano Design Week è una fucina inesauribile di eventi e anteprime che non coinvolgono solo gli arredi ma anche tutta una serie di presentazioni legate al mondo del food and beverage. Negli splendidi spazi di Casa Lago in via San Tomaso 6, Ceado, che in 70 anni è divenuto marchio conosciuto in tutto il mondo per quanto riguarda il settore del caffè, ha tenuto una masterclass sulle novità aziendali, Hoop Coffee Brewer e Life Coffee Grinder (1 - 2 - 3).

Hoop Coffee Brewer una nuova esperienza di caffè!

Si tratta di uno strumento innovativo che permette un’estrazione piena del caffè concentrata e di alta qualità con una estrema facilità di utilizzo. Basterà inserire il filtro, bagnarlo, mettere il caffè macinato e versare l’acqua ed un delizioso risultato sarà pronto per essere degustato. La ricetta proposta è 12gr di caffè macinato e 300gr di acqua ma nulla impedisce di sperimentare per trovare nuove ricette in base al proprio gusto. La nostra esperienza è stata molto appagante (4) anche grazie a due straordinari caffè un Etiopia Hambella con sentori di ciliegia, Tè alla rosa e incenso e un altrettanto valido specialità proveniente dalla Papua Nuova Guinea.

Life Coffee Grinder per una perfetta macinatura!

Sappiamo quanto sia fondamentale una corretta macinatura per gustare appieno gli aromi del chicco del caffè. Life permette ciò unendo un design decisamente accattivante (5) al punto da essere stato premiato al “Good Design Award“ del Chicago Athenaeum Museum of Architecture and Design nella categoria Household. 

 

Altre info e acquisti: 

 

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Non vi è mai capitato di buttare l’occhio nel carrello della spesa di chi vi passa accanto il sabato pomeriggio (1) o di osservare i prodotti scorrere sul nastro di chi vi precede alla cassa? Ebbene sì! La nostra shopping experience al supermercato racconta molto di noi. Io mi pongo sempre le stesse domande: le persone sono realmente consapevoli di ciò che comprano? Da dove arriva quella carne? Quanti di loro dedicano qualche minuto alla lettura (se pur non così ovvia) delle etichette? I mandarini proposti a metà prezzo sono realmente gradevoli al palato? E’ giusto...