21feb 2022
Langhe - Vino,Vita,Vista: l’azienda vinicola Conterno Fantino
40 anni e non sentirli: l'omaggio al territorio Langarolo

Le Langhe, patrimonio Unesco, sono una delle eccellenze del Bel Paese universalmente riconosciute. In questo paesaggio incantato, nel territorio di Monforte d’Alba, ha sede l’azienda vinicola Conterno Fantino che nel 2022 festeggia i 40 anni dalla sua nascita. Un traguardo importante foriero di nuovi ambiziosi obiettivi. Due famiglie si univano in un territorio aspro, duro e severo, raccontato con maestria da Beppe Fenoglio e che non era ancora quella formidabile realtà di oggi. In un periodo come l’attuale era impensabile celebrare la data con grandi eventi. Si è dunque preferito dare vita ad un progetto che parte da un viaggio metaforico dedicato alla terra. Un cofanetto (1), realizzato in edizione limitata che racchiude un grande omaggio al territorio (2) e ai suoi frutti (3) declinato secondo tre parole. “Vino“ immancabile e imprescindibile, una bottiglia del re di Langa, il Barolo “Sorì Ginestra“ (4). “Vita“ un libro (5) che racconta il territorio rendendogli omaggio attraverso il vocabolario di Michele Marziani, le foto di Davide Dutto e i disegni di Noemi Conterno.Vista“ una fotografia unica (6), frutto di ben due anni di lavoro, realizzata dalla torretta panoramica dell’azienda da Davide Dutto in una sorta di straordinario diorama reale che abbraccia il comprensorio e le montagne che dalle Alpi liguri arrivano, attraverso il Monviso e il Monte Rosa, fino addirittura all’Adamello. Claudio Conterno e Guido Fantino affermano: “abbiamo cominciato con l’idea di una fotografia che raccontasse il paesaggio, quello che noi vediamo tutti i giorni, a cui dobbiamo tanto della nostra storia. Giorno dopo giorno, stagione dopo stagione, alla ricerca dello scatto perfetto che consentisse allo sguardo di abbracciare questo eden in tutta la sua bellezza. È stato un lavoro di pazienza. Ma noi siamo abituati, lavoriamo la terra". Splendide parole a riprova di un impegno encomiabile, discreto e silenzioso, come è da sempre in queste zone. Un cofanetto prezioso che farà la gioia degli appassionati del vino e non solo.

 

Altre info: 

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Si sgranocchia, si assaggia (1), ci si abbraccia, si ride, si affetta, si sbuccia, si piange per le cipolle (solo per quelle?), si improvvisano prodezze culinarie (2), si “ruba” un calice di rosso prima che il pranzo (3) abbia inizio, si adagia il panettone sul piatto di portata, la salsiera d’argento? e, finalmente, si ode “a tavola!”, un eco, non solo profumato, che si diffonde in tutta la casa e accarezza gli animi (e la gola) dei commensali che, lesti, trovano posto al convivio solenne (4).   Lo avete capito, spaccati di vita...