18dic 2022
Inno al made in Sicily, Panettone “Diamanti virdi”
Così buono che non si smetterebbe mai…

Come ogni Natale torna il verde, colore principe sulle tavole imbandite per le feste e, perché no, anche al palato. Il verde come pistacchio, o meglio, pistacchio verde di Bronte DOP, quello che veste di gusto e “di speranza”, il Panettone firmato Evergreen (1), maison catanese guidata da Pietro Bonaccorso. In verità, questa delizia made in Sicily, ha un nome che racchiude in due parole il valore assoluto che lo contraddistingue, “Diamanti virdi”: un vero gioiello a forma di cupola colma di pistacchi verdi di Bronte (2). Forse non si presta per essere portato al dito ma certamente assaporato, boccone dopo boccone e senza sensi di colpa, tanta è la gradevolezza ad ogni morso. Ma non è tutto, il lievitato dalle dimensioni notevoli si sposa alla crema di pistacchio Verde di Bronte D.O.P al cucchiaio (3), vasetto da 190 gr, presente nella stessa confezione del goloso panettone, per rendere il dolce natalizio ancora più appagante (come se non lo fosse già…). In che modo? Basta riscaldare preventivamente la crema e distribuirla, a piacere, su ogni fetta. Inutile dire che la versatilità della crema spalmabile, una volta terminato il panettone, può farcire delle crepes, delle fette biscottate (4), oppure può essere gustata nel caffè al posto dello zucchero o ancora, semplicemente a… cucchiaiate! 

Vi abbiamo convinto? Ebbene, se scegliete il “verde” (quello buono) come tinta del prossimo fine pasto delle feste, non mancate la maestria artigianale by "Evergreen”. Merita!

 

Info e acquisti:

   

1

2

3

4

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Un cliché decisamente intramontabile quello del plaid, caldo, “fluido” nel senso di trasportabile ovunque, sulla poltrona davanti alla tv, in camera da letto anche se la casa è ben riscaldata (1). Cosy è cosy, e sopratutto sta bene là dove si dimentica, senza compromettere lo stile domestico, qualunque esso sia: lo si getta sul divano, lo si riprende, si piega, si ripone nell'armadio, il più delle volte ritorna etc… Mai senza! Come il mitico tubino nero.  E a seconda dei propri fantasmi invernali, lo si può accompagnare a una vellutata fuma...