08gen 2024
Firenze, Villa Olmi: parola a Erik Nissen Johansen
Il 12 gennaio la lectio magistralis del grande creativo di Oslo

Amanti dell’ospitalità di lusso, del design e dintorni, segnatevi la data del 12 gennaio 2024 (dalle 17 alle 19) perché, nell’affascinante cornice di Villa Olmi a Firenze, andrà in scena una lectio magistralis del celebra designer scandinavo di casa a Firenze, Erik Nissen Johansen (1) fondatore dello studio di progettazione Stylt, con sede a Göteborg, in Svezia. Titolo del convegno, “IL MIO AMICO ERIK”, con focus sulla visione dell’ospitalità secondo una delle menti progettuali più interessanti dell’hotellerie a livello internazionale.

A volere questo appuntamento imperdibile, l’HIA Hospitality Innovation Academy (2) la scuola italo-svizzera di Ospitalità a Firenze (in partnership con Hotel Institute Montreaux), spinta da un quesito fondamentale, alias mission per il polo didattico, e cioè: “Si può insegnare l’ospitalità e la creazione di esperienze di accoglienza uniche e distintive?”. Ebbene, la lectio di Erik Nissen Johansen sarà certamente un prezioso contributo per rispondere, di più e meglio, a un’urgenza propria dell’industria alberghiera e del turismo che vede il settore in costante trasformazione. “Dalle necessità digitali a quelle dell’intelligenza artificiale sino alla trasformazione ecologica e alla soddisfazione delle richieste di un turismo sempre più sostenibile” - così sottolinea il cambiamento Giancarlo Carniani, General Manager di To Florence Hotel e ideatore di HIA (3 - Nella foto insieme a Lorena Orea coordinatore didattico Hia) - “Ci piace l’idea di inaugurare il 2024 con la lezione evento di un professionista come Erik Nissen Johansen”. 

Due parole su Erik Nissen Johansen

Per chi non conosce Erik Nissen Johansen, da sapere che da più di 25 anni, lo studio Stylt di cui è anche direttore creativo, ha combinato lo sviluppo di concetti, l'architettura d'interni, il design e il branding per creare esperienze uniche in hotel e ristoranti per clienti in tutto il mondo. Ha vinto diversi premi, tra cui il Global UNESCO Prix Versailles per il miglior interior design di hotel, il premio IH&P per il miglior design di SPA al mondo, 2 premi AHEAD, il Miglior Nuovo Boutique Hotel al Mondo, European Hotel Design Awards, diversi Premi di Design Svedesi e il World Hotel Award. Fino a ora, il portfolio comprende oltre 400 ristoranti e 250 hotel. 

Villa Olmi, “La” cornice per eccellenza…

Non poteva che riguardare Villa Olmi (4) il luogo prescelto per la lezione Evento. Un sito di assoluta magnificenza immerso nel verde di un parco secolare, acquisito dalla famiglia Lotti (proprietaria del gruppo To Florence) nel 1999 che, cosciente del suo valore storico e culturale, ha operato un lungo e fedele lavoro di restauro grazie alla complicità del’Architetto Luca Fusani. Lo scopo, conferire a Villa Olmi l’atmosfera che si respirava alla fine del Settecento. Il restauro ha conservato e valorizzato gli elementi originali e caratteristici di ogni ambiente, integrandoli con le più sofisticate tecnologie. Gli arredi interni sono composti da pezzi di antiquariato originali ed elementi di arredo progettati specificatamente. Lampadari in vetro di murano creati con cromie abbinate all’architettura, tappezzerie pregiate, grandi quadri alle pareti caratterizzano e rendono unico ogni ambiente. Oggi, l’hotel Villa Olmi apre le sue porte agli ospiti internazionali che desiderano trascorrere una vacanza nel verde, a pochi passi da Firenze. 

 

Per acquisto biglietti evento QUI

1

2

3

4

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Ecco che come ogni anno in questo periodo viene annunciato (1) il colore Pantone 2024. Peach Fuzz (codice 13-1023), un pò rosa, un pò arancio, la tonalità prescelta che strizza l’occhio all’universo food a noi tanto caro. Sì, perché è la tinta della pesca (2), come il nome lo identifica: un rosa caldo, morbido, delicato. Che comunica condivisione, voglia di stare insieme e di fare sana comunità. Nell’arredo poi, invita al comfort, ma altresì trasmette sensazioni delicatamente sensuali, vellutate (3...