09gen 2023
Divinea Wine Tech Symposium
L'ecosistema digitale per conoscere i Wine Lover

Divinea è una impresa tecnologica creata per mettere in contatto gli amanti del vino con le cantine italiane, rendendole più accessibili a tutti creando un punto d’incontro diretto con i produttori. Attraverso moltissime esperienze che non si fermano alle semplici visite e degustazioni in cantina, ma che abbracciano a 360 gradi ciò che sta intorno ai territori delle varie zone enologiche vocate con picnic, caccia al tartufo, trekking, bike, yoga, vinoterapia, gite a cavallo e in auto d’epoca fino a tour in elicottero, Divinea permette di vivere il mondo del vino in modo rivoluzionario. Recentemente si è tenuta a Milano la terza edizione del simposio Divinea Wine Tech (1 - 2) il cui tema è stato “Connecting the dots - un ecosistema digitale per conoscere, comunicare e ingaggiare wine lovers e visitatori“ alla presenza di opinion leaders (3) del settore che si sono avvicendati in una serie di interessanti talks (4). Ad aprire i lavori Donatella Cinelli Colombini, presidente dell’associazione de Le donne del vino e il Senatore Dario Stefano, coautori del testo “Turismo del vino in Italia. Storia, normativa e buone pratiche“ (Edacricole edizioni). “Dobbiamo prendere i turisti per la gola“ - ha affermato Donatella Cinelli Colombini - “La maggior attrattiva dell’Italia per gli stranieri non è tanto l’arte quanto l’enogastronomia“. Il Senatore Onorevole Stefano ha osservato che “il Covid ha dato in una accelerazione alla digitalizzazione non solo negli uffici pubblici ma anche nelle famiglie. Ora abbiamo l’esigenza che le cantine rispondano a queste esigenze, fatto agevolato dal ricambio generazionale in atto“. Nel primo talk quattro donne imprenditrici vitivinicole di rilievo, Chiara Soldati di La Scolca, Chiara Lungarotti, Sabrina Tedeschi e Marzia Varvaglione delle omonime cantine si sono confrontate con le loro peculiarità sul tema del turismo enologico. Nel secondo talk si è discusso su come connettere i processi aziendali in un’unica soluzione, con Giulia Corcos di Tannico la più importante enoteca online, Caterina Tienforti di Spotty Wi-Fi attiva nella raccolta dati, Matteo Cunial di xFarm l'innovativa startup del settore agrario attiva in Veneto, Alessandro Manoni di Apra information tecnology col sistema gestionale i-Wine e Andrea Luiz Silva di Divinea. Nel terzo e ultimo talk si è parlato di come incrementare le vendite direct to consumercon Raffaele Boscaini di Masi, Alessandro Marzotto di  Gruppo Santa Margherita, Martina Arditi di Cinque Quinti e Gianni Daniele di Tredaniele aziende assai diverse tra loro per dimensioni e soluzioni possibili per conquistare il cliente finale, passando da wine experience, strategie multicanale, cinema sotto le stelle, musica, cibo e tradizione. Una giornata di grande interesse che abbiamo avuto il piacere di seguire per focalizzare lo stato dell’arte del settore. 

 

1

2

3

4

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Un cliché decisamente intramontabile quello del plaid, caldo, “fluido” nel senso di trasportabile ovunque, sulla poltrona davanti alla tv, in camera da letto anche se la casa è ben riscaldata (1). Cosy è cosy, e sopratutto sta bene là dove si dimentica, senza compromettere lo stile domestico, qualunque esso sia: lo si getta sul divano, lo si riprende, si piega, si ripone nell'armadio, il più delle volte ritorna etc… Mai senza! Come il mitico tubino nero.  E a seconda dei propri fantasmi invernali, lo si può accompagnare a una vellutata fuma...