15apr 2021
Design city - Casa e Pandemia, cosa è cambiato?
Il progetto di Strategy Innovation

Habitat domestico e pandemia un binomio che non ci lascia più indifferenti, in virtù delle tante ore trascorse in casa per l'emergenza sanitaria (1).

Ma come è cambiato veramente il nostro modo di abitare dal fatidico marzo 2020?

Un tema caldo ben sviluppato nel progetto di Strategy Innovation srl, spin-off dedicato all’innovazione strategica dell’Università Ca’ Foscari Venezia, in collaborazione con Fuorisalone.it, che quest’anno ha come tema centrale Forme dell’abitare.

“L’emergenza Covid ci ha portato a riscoprire la casa non più solo come spazio in cui scambiare due chiacchiere prima di andare a dormire, ma come luogo in cui si sviluppano le nostre vite e in cui tessiamo le nostre relazioni - spiega Gian Paolo Lazzer, Chief Culture Specialist di Strategy Innovation. Prima si concentrava l’attenzione essenzialmente su due parametri: metri quadri ed efficienza energetica. Oggi le stiamo ripensando in termini di qualità delle relazioni e delle passioni che possiamo vivere nei loro ambienti”.

Ed ecco le interviste, già online a questo LINK, dove aziende provenienti dai settori più disparati, dall’illuminazione d’interni alla produzione di integratori, indagano il cambiamento in atto nel vivere la casa, cercando di analizzare cosa accadrà nel futuro.

“La contaminazione tra mondi diversi è fondamentale per capire un fenomeno culturale di questa portata - aggiunge Lazzer, sociologo. Per questo abbiamo voluto intervistare realtà così eterogenee. Quello che ne è emerso offre la misura del profondo cambiamento che la nostra società sta vivendo nell’arco di pochi mesi”.

Un viaggio virtuale attraverso le diverse stanze della casa, che non trascura nemmeno il ruolo degli animali da compagnia (2), ormai sempre più partecipi della vita famigliare con spazi e momenti dedicati, e la cuccia che diventa un ambiente a sé, di pari dignità di una stanza da letto. E se la camera da letto, come racconta Stefano Foffano, Founder di Staygreen, diventa sempre più un luogo di benessere, che deve rigenerare attraverso la qualità dei materiali, dell’aria e la disposizione dei punti luce, perché solo in questo modo può produrre sogni, unico spazio in cui possiamo entrare in relazione con il futuro, è in cucina (3 - Aran Cucine) che avverrà il vero cambiamento.

Dopo anni in cui la cucina è rimasta sempre più vittima della contrazione degli spazi, sacrificata nella logica dell’ottimizzazione dei metri quadri e sostituita dal food delivery, oggi assistiamo a una ulteriore evoluzione: case senza cucina, come già avviene a Hong Kong per esempio, oppure cucine sempre più simili a quelle professionali. 

“Il cibo è una passione e come tutte le passioni dovrà avere uno spazio dedicato e degli strumenti ad hoc per poter essere coltivato. La cucina del futuro troverà perciò sempre un suo spazio nelle case degli appassionati - dice Nicola Michelon, CEO di Unox, azienda leader nella produzione di forni professionali. Il cibo torna a essere un viatico di legami e relazioni, sia tra i membri della famiglia sia con i divi dei fornelli, uniti dalla stessa passione e dalla stessa voglia di sperimentare”.

Il vero centro della casa continuerà però a essere il salotto (4), luogo per eccellenza in cui prendono forma le dinamiche relazionali di una famiglia: incontri, saluti, distacchi, festeggiamenti e cordogli, lontano dalla dispersione che caratterizza social e community, come bene racconta Riccardo Zanette, Vice -president di MCZ Group, specializzati nella produzione di stufe e camini, che restano uno dei simboli del calore famigliare nell’immaginario collettivo degli italiani. Un salotto che spesso si trasforma in studio per andare incontro alle nuove esigenze dell’homeworking e dello smartworking (5), che a loro volta tenderanno a diventare sempre di più funworking con un continuo rimescolarsi di ruoli e attività. Uno spazio multifunzionale dove si integrano le esigenze di tutta la famiglia e il confine tra lavoro e vita privata sfuma sempre di più in un fluire continuo, come sottolinea Lara Facchinetti, HR Manager di Zamperla.

Il luogo più intimo delle nostre abitazioni resta comunque il bagno. Conquista recente nella storia evolutiva dell’abitare, ma con un ruolo sempre più centrale. Non solo spazio dedicato alla cura di se stessi, da intendere sempre più come nell’antica tradizione romana delle terme, ma anche camerino dove, di fronte allo specchio, mettere in scena le mille versioni di noi stessi, prima di decidere quale mostrare agli altri. “Nel bagno - osserva Stefania Fabiano, Direttore Generale della Divisione Cosmetics Active di L’Oréal - la relazione tra benessere del corpo e della mente è protagonista, avvantaggiata da tutti gli aiuti che la tecnologia può fornire”.

E l'outdoor? (6 - Flexform) Giardino, serra e garage assumono nuovi significati e si preparano a una nuova evoluzione, dall’illuminazione all’arredamento. Luoghi dove riflettere grazie al potere taumaturgico dell’ombra degli alberi in contrapposizione alla luce diretta del sole, secondo Carlo Urbinati, Presidente di Foscarini, ma anche spazi per coltivare sogni, passioni e talenti senza la paura di sbagliare come suggerisce Valeria Zampieri, HR Manager di Everel Group. Luoghi infine dove custodire solo mezzi a energia biologica come biciclette o bastoncini da nordic walking perché torneremo a essere Flâneur, esploratori di città, vagabondi urbani, che hanno bisogno di camminare per pensare, stare in forma e conoscere il proprio ambiente, come profetizza Gianpietro Beltramello, Presidente di Gabel.

Un cambiamento epocale, non c'è che dire, pronto a stravolgere in positivo il microcosmo che è la nostra abitazione.

 

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Finalmente entriamo in quel periodo dell'anno che sa di Primavera. E per noi di FoodMoodMag a sbocciare è l'universo in rosa (1). Sì, perché continua con grande successo il nostro format Woman-Power che tratta di donne con la D maiuscola che si distinguono nel loro settore di riferimento. Dal food, all'arte, al design, all'agricoltura, passando per la politica o la letteratura. Protagonisti il talento, la determinazione, il coraggio e la r...