14dic 2020
Décor - Must di stagione: le stufe
Eccone alcune di ultima generazione...

Tradizionali o moderne, come tagli nella parete o limitate da preziose cornici, le stufe veicolano tra le mura domestiche l'affascinate tepore di un elemento vitale della natura, il fuoco. Non ci vuole molto per per valorizzarne la bellezza in qualsiasi ambiente di casa.

In questo articolo, parliamo di alcuni modelli, a legna o a pellets, tutti particolarmente performanti, tanto da poter riscaldare, complice un'adeguata canalizzazione, anche l'intera abitazione. 

Insomma, hi-tech di design, minimal o vintage per i più nostalgici, l'energia del fuoco al centro, a voi la scelta...

 

Square - Decorazione e funzionalità alla base della stufa disegnata Ludovica+Roberto Palomba per Ravelli (1). Pianta quadrata e acciaio con frontale in vetro, conquista per le linee sobrie e minimali che conferiscono alla fiamma un valore iconico, riportando alla mente l’emozione del fuoco dei tradizionali caminetti domestici. Dotata di braciere autopulente, top in ghisa, ventilatore frontale disattivabile, vanta una porta esterna estetica. Il Wi-Fi consente la gestione domotica locale e remota. Altre info QUI.

 

Amika - La stufa a pellet ermetica ventilata che si distingue per il suo design pulito ed elegante (2) by La Nordica Extraflame: le sue forme rotonde, il rivestimento in acciaio temperato frontale e l’elegante top in maiolica, disponibile nella versione bordeaux, bianco, nero e pietra, rendono questo prodotto una soluzione estremamente versatile e adatta ad ogni spazio e a ogni stile della tua casa. Bellissimo il vetro ceramico SCHOTT ROBAX® NightView: quando la stufa è in funzione garantisce un fuoco più calmo e piacevole mentre, quando la stufa è spenta, rende invisibile la camera di combustione grazie a una superficie completamente nera e lucida. L'unione di questi due elementi, la stufa e il vetro ceramico, ha portato a un interessante risultato, sia dal punto di vista funzionale che estetico, tanto da ottenere l'ambito riconoscimento del German Design Award 2021, uno tra i più riconosciuti e importanti premi nel mondo del design a livello internazionale. Altre info QUI.

 

Vivo 90 Hydro - Termocamino a pellet di MCZ (3) ha un formato panoramico, con braciere e focolare dalle dimensioni generose in ghisa nera. Pratico da utilizzare e da programmare, esattamente come se fosse una caldaia, Vivo 90 Hydro ha un doppio Wi-Fi integrato diserie e si gestisce direttamente dal proprio smartphone, sia a casa che fuori. Per l’uso in casa, sono disponibili come optional un pratico telecomando o un pannello da montare a muro. Mentre riscalda rapidamente tutti i termosifoni di casa o l’intero impianto a pavimento, Vivo 90 Hydro distribuisce l’aria calda anche nella stanza in cui è installato, grazie ad un potente ventilatore frontale (4 kW). È disponibile in due varianti di potenza, 16 kW, per abitazioni fino a 170 metri quadri, e 24 kW, per case di oltre 240 metri quadri. Ha un serbatoio particolarmente capiente, che contiene fino a 65 litri di pellet, che corrispondono a 45 ore di funzionamento continuo alla potenza minima. Altre info QUI.

 

Maria Costanza (il futuro che viene dal passato) - Sempre di di MCZ, la stufa stagna ventilata dalla profondità ridotta (meno di 28 cm) è ideale per corridoi e spazi ristretti (4). Ai suoi esordi negli anni Sessanta, il maestro Sergio Leoni, si era ispirato alle “Stube” nordiche, impreziosendole attraverso il suo tratto elegante e gentile. Oggi, il compito di reinterpretare le stufe d’oltralpe in chiave moderna è stato affidato a Emo design. “Maria Costanza è il futuro che viene dal passato, l’essenza del classico reinterpretata in un’ottica fortemente minimal”, racconta il team di Emo design. Lo scarico fumi può essere sul retro, come in foto, o superiore, per ridurre ancora di più l’ingombro complessivo. Maria Costanza si gestisce da un pratico pannello, montato sotto il coperchio, ma è incluso di serie anche un kit Wi-Fi, che permette di comandare la stufa fuori casa attraverso il proprio smartphone. Altre info QUI.

1

2

3

4

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Un cliché decisamente intramontabile quello del plaid, caldo, “fluido” nel senso di trasportabile ovunque, sulla poltrona davanti alla tv, in camera da letto anche se la casa è ben riscaldata (1). Cosy è cosy, e sopratutto sta bene là dove si dimentica, senza compromettere lo stile domestico, qualunque esso sia: lo si getta sul divano, lo si riprende, si piega, si ripone nell'armadio, il più delle volte ritorna etc… Mai senza! Come il mitico tubino nero.  E a seconda dei propri fantasmi invernali, lo si può accompagnare a una vellutata fuma...