13apr 2022
Pasqua 2022 con Loison: ricicliamo le stupende confezioni
Cappelli, guanti e cassetti

Delle prelibatezze made in Loison (1 - 2) per la ricorrenza pasquale ne abbiamo già parlato il 23 marzo 2022 QUI. Ma eccoci di nuovo per rivedere il brand da una luce diversa, strizzando l’occhio all’arte del riciclo. Sì, perché il big player veneto dei lievitati da forno usa vestire i suoi prodotti con pack, carte etc. tali che possono essere declinati in tanti modi possibili. Confezioni e accessori studiati per avere un secondo destino grazie alla progettazione e alla creatività di “Sonia Design”, la firma di Sonia Pilla moglie di Dario Loison. Belli è indubbio ma anche pratici e facili da reinventare secondo le proprie esigenze.

Così, via libera alle Cappelliere (3) ovali, ispirate alle custodie di modisteria del tempo di Coco Chanel, per riporvi cappelli, ma anche guanti o la collezione di boutonniere (udite signori uomini…). Per i foulard in seta, invece, il bauletto della collezioni Fantasia è l'optimum.

E l’incarto, direte voi?

Qui la fantasia impazza: gli involucri delle Collezioni Frutta e Fiori e Genesi (4) sono da riciclare per ricoprire le copertine di libri rovinate dall’usura, applicati alla tecnica del découpage, oppure per rivestire piccoli cassetti di legno. L’arte dell’Origami, si sa, prevede un po’ di precisione e gli incarti Loison si prestano ottimamente per creare buste e rivestimenti arricchiti con i nastri della confezione. Come fare? Seguite i link (5 - Video) ai tutorial Loison: è molto più facile a farsi che a dirsi!

 

Altre info:

 

 

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Un cliché decisamente intramontabile quello del plaid, caldo, “fluido” nel senso di trasportabile ovunque, sulla poltrona davanti alla tv, in camera da letto anche se la casa è ben riscaldata (1). Cosy è cosy, e sopratutto sta bene là dove si dimentica, senza compromettere lo stile domestico, qualunque esso sia: lo si getta sul divano, lo si riprende, si piega, si ripone nell'armadio, il più delle volte ritorna etc… Mai senza! Come il mitico tubino nero.  E a seconda dei propri fantasmi invernali, lo si può accompagnare a una vellutata fuma...