16nov 2021
Natale 2021 - Cosa bere?
Non solo mangiar bene…

Ci sono gli addobbi per la casa, le candele, i pacchetti, i ravioli, il cappone ripieno, il panettone e il pandoro etc. E’ Natale. E poi i vari nettari anche per il dopo cena (o ante?). Bere bene (1) è un piacevole diktat che impone una scelta mirata per il pranzo di natale o la sera della vigilia. Senza dimenticare i cadaux, sempre a tema drink well, per i wine lover. Un consiglio spassionato e veloce: bere di qualità, interessante, meglio se comprensibile a tutti i commensali. 

Qualche spunto da degustare per le feste, rigorosamente in compagnia… e che il 2021 sia, finalmente, un buon anno davvero.

 

Comte de Montaigne e T’a Milano per un matrimonio Gourmet - Un cofanetto (2) contenente una raffinata selezione di praline allo Champagne Brut Grand Réserve di Comte de Montaigne nata dalla creatività dei Maestri Cioccolatieri di T’a Milano, il brand di alta cioccolateria di Casa Alemagna, insieme a una bottiglia di Champagne Comte de Montaigne Brut Grand Réserve (75 cl), what else? Le quattro praline di cioccolato al latte con cacao 36% monorigine proveniente da Java e le altre otto di cioccolato fondente con un blend di fave di cacao provenienti da Brasile, Ecuador e Venezuela, sono tutte realizzate a mano con un morbido ripieno dal retrogusto fruttato, impreziosite da una golosa copertura con granella di cioccolato. Altre info QUI

 

Distilleria Deta, il Gin Giusto. Made in Tuscany, il Gin Giusto (3) per un dopo cena o un food pairing ad hoc, è un london dry elegante ed equilibrato, che strizza l’occhio al mondo dei cocktail e degli appassionati della mixology. Il profumo di ginepro toscano, si sposa con la piccantezza del coriandolo e del pepe nero. Tra le note degustative si possono apprezzare l’aromaticità antiossidante dell’angelica, il gusto dolce e amaro della liquirizia e quello degli agrumi, che dona freschezza al gin. Altre info QUI.

 

Roger Coulon, Champagne L’Hommée - Lo Champagne Roger Coulon (4) da terroir storici della Montagne de Reims, a Vrigny, è un blend 60% Chardonnay e 35% Pinot Nero da Village Premier Cru in cui risiedono i terroir più storici ed emblematici del vigneto Roger Coulon. Le viti sono allevate in regime rigorosamente biologico e agroforestale, basato sull'osservazione, la comprensione e il rispetto degli equilibri naturali. Alla vista L’Hommée presenta bolle sottili, dal lento ascendere, che evidenziano un colore dorato e brillante. Al naso fanno breccia le note di brioche e burro, ciliegia, lampone, spezie e vaniglia. In bocca lo Champagne giunge preciso e ben bilanciato, con finale lungo e avvolgente. Altre info QUI.

 

Liquori Morelli - Prima o dopo il pasto, il pluripremiato Limoncino 32°, liquore dolce (5) ottenuto dalla macerazione in alcool delle scorze di limoni biologici non trattati provenienti da Toscana, Liguria e Sicilia, che insieme a zucchero ed acqua costituiscono gli unici ingredienti del prodotto, si distingue per il profumo delizioso con peculiari richiami di limone e un sorso che si esprime con marcate gradevolezza ed aromaticità così equilibrato che anche in condizioni di temperatura più alta la componente alcolica non diviene predominante. Altre info QUI

 

Venturini Baldini di Quattro Castella, (Reggio Emilia) - T.E.R.S. Ancestrale, il lambrusco storico (6), perfetto con i tortellini in brodo, il piatto della Vigilia (ma volendo anche per il giorno di Natale): da uve Lambrusco Montericco, varietà locale di collina che cresce su un terreno argilloso sabbioso, un suolo con una buona vocazione per la viticoltura, che regala vini molto equilibrati nelle componenti alcoliche e fenoliche, dai profumi fini. L’Ancestrale è un vino frizzante o spumante che rifermenta sui suoi lieviti indigeni ed i suoi zuccheri. Altre info QUI. 

 

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Ecco che come ogni anno in questo periodo viene annunciato (1) il colore Pantone 2024. Peach Fuzz (codice 13-1023), un pò rosa, un pò arancio, la tonalità prescelta che strizza l’occhio all’universo food a noi tanto caro. Sì, perché è la tinta della pesca (2), come il nome lo identifica: un rosa caldo, morbido, delicato. Che comunica condivisione, voglia di stare insieme e di fare sana comunità. Nell’arredo poi, invita al comfort, ma altresì trasmette sensazioni delicatamente sensuali, vellutate (3...