01ott 2021
Liquori Morelli - Il nuovo distillato allo zafferano intimamente toscano
Un Gin da oscar colore del sole

La nouvelle vague del bartending chiede prodotti sempre più innovativi e, nel caso di cocktail, con ingredienti particolari capaci di versatilità a favore di una mixology di livello ma anche di distillati che sappiano affascinare in purezza estimatori e non solo…

Un mercato in fermento dove il gin mostra certamente molto dinamismo sopratutto nel fuori casa. E proprio di questo classico white spirit vogliamo parlare grazie al nuovo lancio del Gin allo zafferano di Liquori Morelli (1) - azienda toscana da più di un secolo nel settore della liquoristica - che colpisce per la sua estrema delizia. Una rivisitazione unica, certamente fuori dai soliti schemi: è lo zafferano, infatti, ad essere la materia prima che lo rende non solo cromaticamente di un colore giallo intenso ma sopratutto molto interessante al palato (2). Il principe della tavola, protagonista indiscusso di molti piatti stellati di cucine blasonate da nord a sud, assurge ad elemento prezioso e distintivo del bere miscelato esprimendo, grazie alla proposta di Morelli, l’aromaticità dell’oro rosso senza mai essere disturbante, al contrario nitidamente garbata, per virare poi in delicata astringenza e regalando una sensazione di pulizia e freschezza. “Durante la Pandemia abbiamo conosciuto, per caso, un produttore di zafferano di Castel Fiorentino la cui spezia eccelle per assoluta purezza” - ci ha raccontato Marco Morelli (3) durante il lancio del prodotto - “Da lì, ci siamo cimentati in una lunga sperimentazione fino ad ottenere un gin equilibrato e persistente”, figlio di un processo di lavorazione di matrice antica che contempla una fase molto delicata dove, tra l’altro, i pistilli sono lasciati a bagnomaria nello spirit. Un Gin “vero” dall’inizio alla fine (4), come ha ancora sottolineato Morelli, testimone indiscusso del territorio d’origine e così lo zafferano ed i grani, sempre prodotti in Toscana, nonché la bottiglia - autentico gioiello - (5) per finire alla serigrafia di maestria artigianale, sempre made in Tuscany.  

Una raffinata coccola per un mercato esigente, viste le peculiarità organolettiche alquanto particolari e il packaging sofisticato. Questo Gin ha come target di riferimento un pubblico di veri esperti e conoscitori della materia.

Da assaporare nel bere mix anche in una sorprendente variante dell’Angelo azzurro (6), storico long drink solitamente a base di gin, succo di limone, Triple sec e Blue Curacao. La versione rivisitata frutto della creatività dall’ambassador di Liquori Morelli Andrea Frediani, vede l’aggiunta di bianco d’uovo per renderlo più avvolgente e, sopratutto, il Gin allo zafferano. Il risultato è una sensazione gustativa con, in primis, l’impatto del limone che fa venir meno la spinta alcolica, per culminare in un’esplosione di zafferano nella parte finale resa più calda dal palato. Ultimo ma non meno importante, si evince un retro olfattivo assai floreale.

“Siamo felici di essere riusciti a raccontare attraverso questo gin l’anima originale e splendente della Toscana, dedicando ai clienti un prodotto di lusso che li potrà accompagnare in tanti momenti magnifici sia a casa che fuori” - ha continuato Marco Morelli durante la presentazione.

L’azienda di Pisa ha fatto nuovamente centro, è il caso di dirlo. Queso gin dai riflessi dorati rischia, seriamente, di stupire e appassionare gin addicted di ogni dove. Mostrando che l’innovazione, quella vera, è possibile, certo, ma non è da tutti.

 

Altre info: 

 

 

 

 

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

I colori cambiano e virano a toni come il bronzo, il giallo, l’arancio, accompagnando le giornate che si adombrano e si accorciano (1). Boschi e foreste si vestono di rosso e d’oro: è il loro momento di gloria regale. Benvenuto Autunno. Ritorna la voglia di intimità, di godere dei primi fuochi del caminetto accesso, di accoccolarsi sul divano e leggere un buon libro (o scorrere le pagine di Foodmoodmag). Ecco puntuale il desiderio di guardarci dentro (2), di captare l’essenziale, di dare valore ai dettagli, all’osservazione, mentre il tempo accelera la sua...