18dic 2021
Inverno 2021 - Casa: voglia di caldo tra le mura domestiche
I consigli degli esperti e … 2 stufe da record

E’ indubbio. Gli incentivi introdotti dal governo italiano per promuovere l’uso efficiente dell’energia, come l’Ecobonus e il Superbonus, hanno favorito, e continuano a farlo, interventi mirati a migliorare le prestazioni energetiche degli immobili residenziali. Che si tratti di un appartamento o di un edificio unifamiliare, nel caso in cui non si possa o non si voglia ricorrere ad impegnative opere di ristrutturazione, è possibile adottare alcuni accorgimenti rapidi e indolore che fanno la differenza per rendere gli interni della propria abitazione più caldi e accoglienti (1). Il portale habitissimo ci viene in contro con 4 suggerimenti preziosi per lasciare il freddo fuori casa, riducendo i consumi energetici.

 

1. Azzerare gli spifferi: gli spifferi possono essere causati da diversi fattori, per esempio da un serramento ormai obsoleto oppure da una sua scorretta installazione. Nel caso in cui non si possa sostituire l’infisso, si può optare per delle soluzioni in grado di attenuare l'indesiderato ingresso di aria fredda dall'esterno, come l’utilizzo di paraspifferi intelligenti, l’applicazione di profili in gomma oppure l’installazione di vetri doppi, che migliorano le performance di isolamento.

2. Investire nei serramenti: porte e finestre (2) giocano un ruolo chiave per aumentare il benessere indoor, per questo devono essere periodicamente controllati ed eventualmente sostituiti. Un intervento più impegnativo ma che nel lungo periodo assicura molteplici benefici, soprattutto quando è eseguito da professionisti qualificati.

3. Isolare con gli arredi: alcune soluzioni d’arredo, oltre ad essere belle e funzionali, possono contribuire a ridurre la dispersione di calore e a migliorare l’isolamento termico. Ad esempio, rivestire le pareti con pannelli in legno, arredare con tappeti di grandi dimensioni o con tendaggi pesanti, sono dei modi facili e intelligenti per creare ambienti più caldi e accoglienti e proteggere dal freddo.

3. Controllare regolarmente il camino (3): pratico e suggestivo, il camino con il suo fascino senza tempo è una efficiente fonte di riscaldamento che conferisce carattere agli ambienti, ma può anche essere l’origine di una dispersione di calore. La canna fumaria, infatti, può favorire la penetrazione d’aria fredda all’interno dell’abitazione. Per evitare ciò, un semplice e utile accorgimento è chiudere sempre la serranda del camino e aprirla solo al momento dell’accensione. Se si vuole migliorare ulteriormente il benessere interno e prevenire la fuoriuscita eccessiva di fumo, l’ideale è effettuare dei controlli periodici e non sottovalutare la corretta pulizia della canna fumaria. (Per altre info consulta gli esperti di habitissimo QUI).

Dicevamo stufe e camini

Se state pensando di fare un caldo regalo al vostro ambiente domestico e a voi, ecco due magnifici e performanti modelli by La Nordica che vi suggeriamo di prendere in considerazione. Vi scalderanno per tanti anni! E’ una promessa.

 

Bellissima, slim e decisamente stilosa, la stufa a pelle Sharon Plus (4) dalla profondità ridotta, soltanto 29 cm, tanto da poter essere facilmente inserita dove si vuole senza interferire con le soluzioni di arredo. Inoltre è canalizzabile fino a 8 metri di portata grazie ad un motore dedicato, escludibile e termostatabile, che permette di riscaldare velocemente non solo dove è installata la stufa ma anche un ulteriore ambiente. In poco tempo si può così beneficiare del caldo abbraccio del pellet anche in altre stanze come in questo living arredato con le varie essenze del legno, che dialoga continuamente con il parco esterno e dove Sharon Plus in questa versione rivestita in vetro Crystal nero lucido si inserisce elegantemente tra le scelte d’arredo. Tutte le funzionalità sono regolabili stando comodamente seduti sul divano, o leggendo un libro sulla poltrona, grazie al radiocomando palmare che funge anche da termostato per la stufa. Inoltre, di serie, è presente modulo per il collegamento con la rete WIFI di casa per poter gestire la stufa da remoto tramite la comoda app dedicata Total Control 2.0. 

 

Chi non vorrebbe il modello Venezia (5) memore delle vecchie cucine economiche, qui gioiello che strizza l’occhio al mood contemporaneo? Il rivestimento in acciaio inox alleggerisce il piano cottura in ghisa di grosso spessore, quest’ultimo pensato per sfruttare al meglio la potenza della cucina, mentre le due ampie finestre in cristallo serigrafato nero consentono di apprezzare pienamente la bellezza del fuoco. Elemento free-standing, può essere anche tranquillamente inserita a contatto con i mobili senza bisogno di Kit opzionali in quanto certificata per questo particolare contesto. È dotata di un grande focolare e un forno di ampie dimensioni (44 l) con luce di serie che raggiunge temperature ottimali in poco tempo. Di più… oltre a cucinare, scalda fino a 238 metri cubi per convezione ed irraggiamento nel pieno rispetto dei requisiti delle normative europee più restrittive. Tutte le info dei prodotti La Nordica QUI.

 

 

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Il re è morto, viva il re, si gridava anticamente in occasione della sepoltura di un sovrano e per festeggiare la nomina del nuovo; così parafrasandolo potremmo dire oggi "l'anno vecchio è morto viva il nuovo anno" (1 - 2). Ma sarà veramente così? Sapremo vincere la sfida, pandemica (3) e non, che ci attende anzi che incombe su tutti noi? E ancora, riusciremo a superare quel malessere, non più tenue ormai, anzi imminente e immanente? Tutta una serie di domande che si affacciano, consapevolmente o meno, alla nostra mente e ci rendono se non inquieti, certamente preo...