19apr 2016
PROFUMO … D’ATTESA
La nuova fragranza di Masque Milano

In certe occasioni vale davvero la pena di vivere “l’attesa”. Perché in certi casi, l’attesa è il momento più bello: l’abbiamo provato tutti, come ricorda “Il sabato del villaggio” di leopardiana memoria. E, per continuare con la citazioni, tutti sappiamo che “L’attesa del piacere è essa stessa il piacere”, come dice il filosofo Gotthold Ephraim Lessing.

“L’attesa” è, anche, un eccezionale profumo, l’ultima creazione realizzata da Masque Milano in collaborazione con il giovane naso Italiano Luca Maffei (1) e presentata all’ottava edizione di Esxence.

Innanzitutto ecco le note di Testa: bergamotto italiano, neroli, accordo champagne. Quelle di Cuore: concreta di Iris italiano, concreta di iris francese, assoluta di iris italiano, assoluta di tuberosa, ylangylang. E, infine, quelle di Fondo: sandalo mysore, muschio di quercia, accordo cuoio

Una presentazione in grande stile, quella delle fragranze Mask (2), anzi in quattro atti che seguono l’evoluzione di ogni relazione sentimentale: ci sono il primo appuntamento, l’innamoramento, l’amore, la promessa di un legame eterno… E “L’attesa” rappresenta la prima scena del terzo atto dell’opera, intitolata Le Relazioni Sentimentali. Vi sono evocazioni eterne - una sera d’estate, le luci soffuse, il vecchio disco in vinile, il caldo abbraccio della voce di seta della cantante - la perfezione del momento indimenticabile - il mazzo di fiori appena reciso i cui profumi riempiono la stanza, la bottiglia di champagne, il rumore dei suoi passi sulle scale – e l’apoteosi finale: stanno bussando alla porta.

Perché è così che Masque fa nascere i propri profumi: attraverso emozioni che nascono dall’intimo e dall’incontro personale con il naso. Da azioni semplici, ma importanti: la visita del laboratorio, l’ascolto della storia personale e professionale, l’analisi delle tecniche di creazione, il test sulle migliori composizioni. Poi ecco la descrizione del progetto visionario di Masque, la proposta di una collaborazione volta alla creazione di una fragranza appropriata alle caratteristiche creative del naso. Nella selezione sono la passione e l’empatia a fare sempre la differenza.

Alessandro e Riccardo, i fondatori di Masque, sanno condurre mastri profumieri e artigiani come fossero direttori d’orchestra, anzi compositori e sceneggiatori di un’opera che, tra atti e scene, vede i diversi nasi - astri nascenti della profumeria mondiale come Luca Maffei - indossare la maschera di scena. Ed è così che “L’attesa” non finirà mai.

1

2

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Un cliché decisamente intramontabile quello del plaid, caldo, “fluido” nel senso di trasportabile ovunque, sulla poltrona davanti alla tv, in camera da letto anche se la casa è ben riscaldata (1). Cosy è cosy, e sopratutto sta bene là dove si dimentica, senza compromettere lo stile domestico, qualunque esso sia: lo si getta sul divano, lo si riprende, si piega, si ripone nell'armadio, il più delle volte ritorna etc… Mai senza! Come il mitico tubino nero.  E a seconda dei propri fantasmi invernali, lo si può accompagnare a una vellutata fuma...