20mar 2022
Firenze - A Taste sfila la "Food Couture"
L’inedito défilé di abiti da lavoro per camerieri, maitre e bartender

Appuntate in agenda la data di lunedì 28 marzo, perché in occasione Pitti Taste 2022 vedrà la luce “Food Couture”, la prima sfilata italiana dedicata al servizio di sala e cucina. Un’idea per nulla banale, perché è indubbio che ci voglia stile ed eleganza (1 - 2) anche e sopratutto mentre si serve un pesce spada alla siciliana o un risotto allo storione stufato al vino rosso.

Ed ecco allora che - ristoratori e dintorni - se cercate ispirazione o spunti per rivedere il guardaroba perfetto per un’accoglienza comme il faut, non mancate lunedì alle ore 18: il cocktail bar “Dome” (via Il Prato 18/r, Firenze) si trasformerà, infatti, in una passerella dove sfileranno 24 capi (3) tratti dalla collezione realizzata da La Casa della Divisa (4) per il cameriere-influencer Gabriele Bianchi (5).

Ma udite, udite… A calcare la scena saranno i veri addetti ai lavori: selezionati dodici tra camerieri e bartender presi sia dal territorio che di livello nazionale, ognuno dei quali – sei uomini e altrettante donne – indosserà due capi. Un parterre de roi formato da un centinaio di invitati esclusivi (giornalisti, trend setter, blogger, direttori d'hotel, F&B manager e ristoratori) assisterà alla sfilata della linea di abbigliamento griffata da Gabriele Bianchi, un passato nelle sale di alcuni dei più importanti ristoranti italiani e oggi direttore di sala dell'Essenziale di Firenze. E' per lui che l'azienda marchigiana La Casa della Divisa ha realizzato gli abiti, pensati per offrire un modello di abbigliamento a cavallo tra le esigenze degli abiti da servizio – quindi in primis eleganza, ecc... - e quelle di un mood informale. Ad accompagnare Gabriele Bianchi sarà infatti Marco Esposto, titolare dell'azienda di Senigallia nota per aver creato e reso disponibile una piattaforma digitale in cui “costruirsi” la divisa professionale, di sala o di cucina, che viene realizzata e recapitata in tutta Italia nel giro di 24 ore. Partner della sfilata sono invece i vini dell'azienda di San Donato in Poggio Casa Emma distribuita da Andrea Aringhieri, e quelli dell'azienda agricola Elisabetta di Cecina, insieme al gin Peter in Florence e al caffè di Ditta Artigianale.

 

Info:

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Si sgranocchia, si assaggia (1), ci si abbraccia, si ride, si affetta, si sbuccia, si piange per le cipolle (solo per quelle?), si improvvisano prodezze culinarie (2), si “ruba” un calice di rosso prima che il pranzo (3) abbia inizio, si adagia il panettone sul piatto di portata, la salsiera d’argento? e, finalmente, si ode “a tavola!”, un eco, non solo profumato, che si diffonde in tutta la casa e accarezza gli animi (e la gola) dei commensali che, lesti, trovano posto al convivio solenne (4).   Lo avete capito, spaccati di vita...