06dic 2022
Sardegna - Sua maestà il Panettone
L'evento nel cagliaritano da non perdere

Domenica 11 dicembre 2022,  dalle ore 17.00 presso il Centro Studi Nazionale della Cultura Enogastronomica di Epulae, a Capoterra (CA).

 

Il Centro studi nazionale della cultura enogastronomica e analisi sensoriale degli alimenti e delle bevande organizza un evento enogastronomico natalizio molto interessante, incentrato sul pairing guidato tra panettoni e spumanti Metodo classico della Sardegna e Vini dolci della Sardegna, intitolato Sua maestà il Panettone

Protagonisti - oltre gli spumanti - alcune tipologie di panettone, l'enogastronomo Angelo Concas e la cuoca e maestra lievitista Maria Laura Casula.

La serata prevede un'Officina del gusto a cura dell'enogastronomo Angelo Concas e della Chef e maestra lievitista Maria Laura Casula, Chef Patron del Ristorante Piedra del Sol di Gonnesa, che farà in Show Cooking una dimostrazione del processo di lavorazione dell’impasto per il panettone classico e la cottura di due panettoni.

Seguiranno le degustazioni guidate di 2 panettoni gastronomici artigianali, uno  di Maria Laura Casula e uno della storica Azienda Rau Dolciaria di Berchidda.        

A proseguire le degustazioni guidate di 2 panettoni classici, uno industriale e uno artigianale di Maria Laura Casula e due di "fantasia".                                      

Sarà presente il performer Paul Sark che declamerà tre sue odi e regalerà il suo libro oggetto realizzato appositamente per l'evento.

 

Per informazioni sul contributo da versare a sostegno delle attività culturali di Epulae e per la prenotazione chiamare al numero 3471249013.

 

Centro Studi Nazionale della Cultura Enogastronomica di Epulae

Piazza Alessandro Ricchi

Loc. Poggio dei Pini – Capoterra (CA) 

 

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Un cliché decisamente intramontabile quello del plaid, caldo, “fluido” nel senso di trasportabile ovunque, sulla poltrona davanti alla tv, in camera da letto anche se la casa è ben riscaldata (1). Cosy è cosy, e sopratutto sta bene là dove si dimentica, senza compromettere lo stile domestico, qualunque esso sia: lo si getta sul divano, lo si riprende, si piega, si ripone nell'armadio, il più delle volte ritorna etc… Mai senza! Come il mitico tubino nero.  E a seconda dei propri fantasmi invernali, lo si può accompagnare a una vellutata fuma...