26lug 2020
Hookinart, il portale che annulla le distanze dell’arte

Il mondo dell’arte vive anche grazie alle interazioni tra artisti, galleristi e curatori, veri e propri “attori” di un sistema che non ha confini.  Rendere più facili le relazioni tra queste categorie significa operare per la promozione e la valorizzazione dell’arte, in ogni sua espressione.

Per questo motivo alcune settimane fa a Croydon - non lontano da Londra - è nato Hookinart, il portale web che si propone di annullare le distanze tra artisti, curatori e galleristi. Rintracciabile all’indirizzo www.hookinart.com, il progetto del portale nasce grazie alla società inglese Opera Art Experience che ha realizzato una piattaforma innovativa sia per aiutare a connettere artisti e operatori all'interno della comunità mondiale dell'arte, sia per sviluppare, in maniera costante, nuove collaborazioni tra artisti e galleristi e collezionisti. 

Non ultimo, tra gli obiettivi di Hookinart c’è anche l’impegno a  mettere in relazione artisti meno noti ed emergenti con galleristi e curatori, che possono registrarsi con un account e utilizzare Hookinart per contattare direttamente gli artisti.

L’impegno fondante è la partecipazione attiva dei curatori a recensire, supportare e presentare gli artisti ai collezionisti, art dealer e gallerie di tutto il mondo che vogliono puntare sui nuovi talenti. Hookinart nasce proprio per cancellare le distanze tra galleristi, curatori e artisti della nuova generazione, coadiuvando invece il dialogo, la collaborazione e l’interazione tra i vari “attori” ovunque si trovino, tutte azioni che possono far la differenza e lanciare nuove carriere artistiche.

Per sua natura Hookinart è una piattaforma dinamica, in costante crescita, capace di creare nuove collaborazioni con curatori e gallerie di rilievo internazionale; a tal proposito l'artista viene consigliato, recensito e presentato a quelle realtà che sono più in linea con la sua storia, la sua tecnica e il modo con il quale si relazioni col mondo il mondo ed esprime la propria arte.

 

Come funziona

La piattaforma Hookinart è rivolta a tutti e il suo utilizzo origina dalla volontà dell’artista di dare più visibilità ai propri lavori. L'artista infatti è invitato a creare un profilo sul portale; ogni profilo-utente può includere un numero illimitato d'immagini con descrizione delle opere, un curriculum vitae, dettagli biografici (in forma di story telling della propria parabola artistica); tutte le informazioni possono essere aggiornate o rimosse in qualsiasi momento. 

Il costo dell’iscrizione è di € 48,00 (4 euro al mese) che può essere disdetto in qualsiasi momento mandando una mail a info@hookinart.com, mettendo come oggetto: Disdetta iscrizione e il nome dell’artista.

 

I servizi della piattaforma

Chi si iscrive a Hookinart ottiene:

• la possibilità di creare un portfolio sulla piattaforma Hookinart, dove poter caricare numero illimitato di opere con descrizione, biografia e CV, e aggiornare le proprie informazioni e opere in qualsiasi momento in maniera autonoma;

• una recensione da parte dei curatori di Hookinart. Tra questi figurano: Efrat Cybulkiewicz (membro attivo del movimento surrealista, noto come "International Surrealism Now", la più grande mostra e comunità surrealista internazionale al mondo, dedicata alla promozione del surrealismo del 21° secolo; è anche fondatrice e direttrice di AR[T]MOIRE), Marco Grilli (editore radiofonico del canale Arteshow), Gianluca Colonni e Jamal Daoub (curatori attivi nel mondo arabo).

• la possibilità di essere rappresentato da curatori e operatori dell'arte di rilievo internazionale presso gli art dealer, i collezionisti e le gallerie d'arte che sono partnership del progetto;

• la comunicazione attraverso i canali social della piattaforma (Facebook, Instagram).

 

 

INFO:

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Che settembre strano, quante volte ve lo siete detti? Il mantra di tutti (credo) è e continua ad essere la parola "ripresa", la tanto citata ripartenza a cui ognuno di noi crede in modo diverso. Di certo c'è l'incerto, per usare un ossimoro. Sono tante le domande ancora senza risposta. Covid questo sconosciuto, come evolverà? Come sarà la scuola? E la "lotta alle classi pollaio"? Il sistema Paese riuscirà a reggere il collasso economico in atto? Come riprenderanno i grandi eventi tipo il Salone del Mobile o