19giu 2019
Mandorle e yoga, un mix perfetto per star bene e combattere la calura

Lo yoga si sa, è una di quelle discipline olistiche che fa bene al corpo, lo tonifica e sopratutto lo rende più flessibile e armonico (1). Ma è la mente che ne guadagna in maggior salubrità: respirazione profonda, meditazione e rilassamento sono perfetti per ritrovare il proprio “centro”. Di yoga ne abbiamo già parlato il 28 settembre 2017 QUI così come di meditazione il 16 maggio 2019 QUI. Tutte attività indispensabili, da continuare a praticare anche quando il caldo torrido ci toglie le energie. Ecco che proprio i “frutti” della natura possono venirci incontro per ottenere il massimo dalle nostre sessioni. Prime fra tutti le mandorle (2). Meglio ancora se della Almonds Board of California: dei veri superfood. Una manciata (23 mandorle o 28g), contiene 160 calorie e 6 grammi di proteine vegetali energetiche (3). Le mandorle sono inoltre ricche di magnesio, che contribuisce a ridurre la stanchezza, vantano un elevato contenuto di riboflavina (B2) e sono una fonte di niacina (B3), tiamina (B1) e folato (B9), elementi che contribuiscono al metabolismo energetico. Molti gli studi scientifici pubblicati negli ultimi due decenni che mostrano il loro ruolo nel promuovere la salute generale, dalla gestione del peso alla salute del cuore, dalle funzioni cognitive alla longevità (4).

E se siete degli Yoga addicted, in questo inizio di estate rovente e volete unirvi ad altri appassionati di Yoga per celebrare nei parchi l'International Day of Yoga il prossimo 21 giugno, sappiate che le mandorle sono ricche di vitamina E, un ulteriore benefit contro lo stress ossidativo causato da fattori ambientali come i raggi UV. QUI la ricetta by Almond per uno snack pret à porter buono e tonificante.

 

Per maggiori informazioni:

1

2

3

4

SPUNTI DI VISTA

EDITO

In questi giorni caldi di agosto mi sono imbattuta in uno di quegli immensi Garden center che offrono soluzioni di ogni tipo per un giardinaggio prêt-à-porter. Veloce, spesso elementare: una sorta di giardinaggio "pigro" dove il nuovo giardiniere preferisce il colpo d'occhio, l'estetica, trapianti ossessivi a discapito di tempi, innesti, semina accurata, pazienza (1)...

Ma che ne è di ciò che mia madre mi ha sempre ripetuto? E cioè che mettere le mani nella terra crea una benefica dipendenza, tale da non poterne più fare a meno? (2...