30ott 2019
Firenze - "Inside Magritte", la mostra immersiva sul maestro surrealista
Fino al 1° marzo 2020

In principio fu Milano dove il successo è stato memorabile. Stiamo parlando del nuovo viaggio multimediale tra il reale e l'onirico, "Inside Magritte", l'emozionante percorso immersivo dedicato al grande maestro surrealista René Magritte (1898 - 1967) ideato e firmato da Crossmedia GroupHepco, con la regia di The Fake Factory nella persona di Stefano Fomasi artista e video designer. Dopo il successo dello scorso inverno nel capoluogo meneghino alla Fabbrica del Vapore con oltre 100 mila spettatori, "Inside Magritte" sbarca ora a Firenze nella magnifica architettura barocca dell’ex-chiesa di Santo Stefano al Ponte (1 - 2 - 3). Lo stupore misto a profonda eccitazione sono garantiti tra immagini, suoni e musiche che ricostruiscono il vivido universo pittorico di Magritte (4 - 5). Grazie alle nuove tecnologie, infatti, i suoi quadri, tra uomini in bombetta che galleggiano nei cieli delle metropoli, corpi umani con la testa di pesce e l’ambigua pipa-non-pipa (Ceci n’est pas une pipe) prendono vita, si animano e danzano intorno allo spettatore come se fosse un sogno. Il percorso esperienziale multisensoriale di 35 minuti fatto di un codice narrativo intenso ed evocativo prevede tutti i momenti pittorici dell’artista belga, dalla prime opere surrealiste fino al periodo post-bellico, passando per la Parigi degli anni ’30. Così, in un’unica experience-room è possibile immergersi a 360° in uno spazio fantastico senza soluzione di continuità: dalle pareti al pavimento, le figure dei quadri diventano un unico flusso di visioni oniriche, di forme fluide e smaterializzate in motivi evocativi dell’arte di Magritte. In tutto si tratta di 160 immagini selezionate per una visione completa dell’opera del maestro del surrealismo altrimenti impossibile da ammirare in un unico evento espositivo. 

Non da meno anche le sezioni in mostra come l’Area Visual, con le sue suggestioni iconiche e le pillole biografiche o la Sala degli Specchi (6) con il magico caleidoscopio di segni e figure che si susseguono sulle pareti, sul pavimento e sul soffitto. E l'incanto multimediale della realtà 3D con gli Oculus VR, sviluppata in esclusiva dal team di Crossmedia Group guidato dall’artista 3D Chunhui Luo.

"Un linguaggio che arriva molto forte alle nuove generazioni" - ha affermato in conferenza stampa Federico Dalgas, Presidente di Crossmedia Group. Ancora una volta, dopo Klimt e Monet, un format digitale che strizza l'occhio alla cultura, certamente affine al linguaggio e ai tempi dei social network, rappresentando una ottima opportunità per stimolare, incuriosire ed avvicinare i giovani all’enigmatico mondo di René Magritte e all'arte contemporanea tutta.

Di grande pathos anche le musiche francesi datate tra la fine del '800 e i primi del '900 che accompagnano e valorizzano la straordinaria messa in scena del lavoro di Magritte per un coinvolgimento ancora più intenso con il mondo simbolico, enigmatico e sensuale proprio della visione artistica del pittore.

Saranno molti i ragazzi che apprezzeranno quest'innovativa mostra monografica sul maestro surrealista tra i più conosciuti al mondo. Quanto ai meno giovani, potranno, se pur per un tempo limitato, sognare da svegli, "rinfrescati" da pillole di felicità. 

 

La mostra monografica digitale e multisensoriale nasce con il supporto e la consulenza scientifica della Fondation Magritte di Bruxelles ed è curata da Julie Waseige, storica dell’arte e già direttrice scientifica del Magritte Museum della capitale belga. Inoltre, è patrocinata dal Comune di Firenze.

 

INFO:

Cattedrale dell’immagine – Santo Stefano al Ponte

P.zza di Santo Stefano al Ponte, 5 Firenze

Dal 1° novembre 2019 – 1° marzo 2020

Orari

Tutti i giorni: 10.00 – 19.30 

La biglietteria chiude un’ora prima (ultimo ingresso 18.30) 

Biglietti

 

Biglietti individuali

Adulti: € 13,00 

Studenti e over 65: € 10 

Dai 5 ai 12 anni: € 8 

Portatori di handicap*: € 10 

*per gli aventi diritto l'accompagnatore ha ingresso gratuito - legge 104/92

1

2

3

4

5

6

Photo Credits

Photo 1 : gianfranco gori
Photo 2 : gianfranco gori
Photo 3 : gianfranco gori
Photo 6 : gianfranco gori

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Pioggia, nebbia, freddo, neve. L'inverno, finalmente (1). Almeno dal punto di vista meteorologico perché mentre vi scrivo in realtà siamo ancora nella fase di passaggio autunnale. L'inverno, ufficialmente inizia il 21 dicembre. Ma il tepore casalingo, il clima uggioso e umido, le giornate più corte e sopratutto il Natale che incalza inesorabilmente mi fa venir voglia di cotture lente come il brasato o un sugo che crogioli a lungo. E ancora polenta (2), risotto magari con zucca e castagne (3), zuppe corroboranti (4). E le verdure? In Lombardia andiamo pazzi per la verza (5). In Toscana, dov...