25mar 2019
Milano - FuoriSalone 2019: Design Vibrations
Il brand francese Izipizi con Moroni Gomma

In occasione della design week milanese, lo store Moroni Gomma di corso Matteotti 14 ospita la mostra fotografica dell’artista visivo sardo Gianluca Vassallo, che ritrae diversi attori del mondo del design mentre indossano gli occhiali prêt-à-porter del marchio parigino IZIPIZI. Più di 20 designer, imprenditori e giornalisti, diversi per stile, e per linguaggio, testimoniano la forza della proposta basic del brand, in grado di soddisfare anche il pubblico esteticamente più sofisticato. IZIPIZI è inoltre protagonista dell’installazione Design Vibrations firmata dalla designer Chiara Andreatti presso la mostra-evento Interni Human Spaces all’Università degli Studi di Milano. Il Portale Nord si trasforma in una luminaria dal taglio contemporaneo che gioca sulla ripetizione di occhiali e tubi al neon, raccontando in chiave immersiva la ricerca in termini di forme, pattern e colori del brand, che dalla propria creazione nel 2010 non ha mai smesso di sfornare nuove collezioni per tutte le generazioni e i momenti della vita, svelandone il DNA di design.

Chi è chi...
Gianluca Vassallo, 44 anni. Vive e lavora a San Teodoro e nel mondo. Non chiamatelo fotografo perché si offende. Si esprime attraverso il video, il suono, la fotografia, le installazioni con una attenzione particolare all’aspetto relazionale e di processo.
Il suo lavoro è stato presentato da istituzioni e gallerie in Italia e all’estero. Tra queste: Caleum Gallery, New York (2017); Istituto Italiano di Cultura, Stoccolma (2017); Fondazione di Sardegna, Cagliari (2016/2017); Padiglione Portogallo Biennale Architettura di Venezia, Venezia (2016); Museo dell’Emigrazione, Asuni (2016); Foscarini Spazio Soho, New York (2015,2016); Palazzo della Penna, Perugia (2014); Schauwerk Museum, Sindelfingen (2013, 2014); Museo MAN, Nuoro (2014); Stadtgalerie, Kiel (2014); Tempio di Adriano, Roma (2013); Masedu Museo, Sassari (2013); Fondazione Meta, Alghero (2013); Museo MART, Rovereto (2012); PAN, Napoli (2010). Tra i vincitori del Premio Terna 2013, Menzione Speciale Premio VAF 2014. Tra le opere di arte pubblica Exposed (2013), Free Portrait (2013/2015), I was there (2016) Shoot Me Orlando (2016), La Città Invisibile (2016), Biancolabbra (2017). VOTA PER ME (2018). I suoi lavori sono presenti in decine di pubblicazioni, tra cui Faces, libro di Peter Weiermair sul ritratto contemporaneo.
È fondatore e direttore artistico di White Box Studio, attraverso il quale dedica il suo sguardo e quello di altri talenti sardi alle aziende del design industriale, della moda, dell’editoria e alle istituzioni culturali, cercando di trasformare le attività di comunicazione in occasioni per indagare la complessità utilizzando empatia e leggerezza come strumenti primari.

Federica Biasi (Federica Biasi Studio) nel ritratto dell'artista sardo. Product design e art director. Nel 2015 apre il proprio studio a Milano, occupandosi di product design e design consulting. Nel 2016 è diventata art director di Mingardo e nel 2018 del brand office oriented Manerba. Nel frattempo collabora come consulente creativa e progetta per aziende come Gallotti & Radice, CC-tapis, Mingardo, Ditre Italia, Nason Moretti, My home Collection, Potocco, Fratelli Guzzini.

MORONI GOMMA


Corso Matteotti 14


8 aprile: 11.00-20.00
9

13 aprile: ore 10.00 - 20.00

14 aprile: ore 10.30 - 20.00


SPUNTI DI VISTA

EDITO

Che settembre strano, quante volte ve lo siete detti? Il mantra di tutti (credo) è e continua ad essere la parola "ripresa", la tanto citata ripartenza a cui ognuno di noi crede in modo diverso. Di certo c'è l'incerto, per usare un ossimoro. Sono tante le domande ancora senza risposta. Covid questo sconosciuto, come evolverà? Come sarà la scuola? E la "lotta alle classi pollaio"? Il sistema Paese riuscirà a reggere il collasso economico in atto? Come riprenderanno i grandi eventi tipo il Salone del Mobile o