NIU bistrot: anima cagliaritana e concept etnochic

Inaugura giovedì 2 luglio al sesto piano de La Rinascente Niu bistrot caffè (1), con piatti gustosi, tapas e bontà cotte nel forno, stiloso nell’interior design (2), curato dallo studio Gatti - Piu e con le grafiche di Stefano Asili

Dopo il lockdown imposto dall’epidemia di covid-19 Cagliari si sta risvegliando (3) velocemente dal torpore e tirando a lucido il suo patrimonio HORECA. Alcune chiusure ci rattristano, alcune nuove aperture invece che ci fanno sperare in una estate solare e serena, nonostante le indubbie difficoltà di questo momento. Tra queste aperture vi raccontiamo di Niu e della filosofia in cucina di chef Giuseppe Falanga, al timone di quella complessa macchina che è una cucina moderna. 

Qual è la tua idea di cucina per questo bistrot? 

La mia cucina? Moderna e mediterranea, con un menu di gusto, con cose innanzitutto buone. Il gusto va messo innanzi a tutto. 

E per l’area cocktail, che è importante nel locale? 

Dalle 18 alle 21 faremo un menu tapas davvero speciale. 

I salati portano la tua firma, i dolci?

Abbiamo scelto di appoggiarci ad una pasticceria situata a poca distanza da noi, Ditrizio. Conosco Piero Ditrizio sin dai tempi dell’Etoile, è un collega quindi è stato un piacere ritrovarlo a Cagliari. Lui ci fornirà parte dei dolci che serviremo.

Ci dai un’anteprima di due tapas che sarà possibile gustare da voi?

Una delle mie tapas consisterà in una crema di legumi (cicerchie) con un filetto di pesce, mi piace legare insieme questi due sapori, trovo stiano molto bene insieme, un’altra? Della bella mortadella con una focaccina calda, sfornata da noi. Semplice ma di sicuro effetto.

 

1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Finalmente ci siamo! L'agognata libertà (ma sempre con il rispetto delle dovute regole di distanziamento sociale) è arrivata! (1 - 2 - 3)Un periodo buio, inaspettato, sofferto e sopratutto di grandi cambiamenti per cui molte porte si apriranno e altre si chiuderanno per sempre. Ci guardiamo indietro e ci sembra di aver attraversato un sogno con i contorni quasi di un incubo dove alcuni di noi, da ora in poi, rimetteranno in discussione la propria vita e se stessi.Ecco... ora è lecito chiedersi cosa ci rimane del lungo...