13nov 2019
Il pizza chef Cristian Tolu trionfa al Campionato Nazionale Pizza Doc 2019

Il maestro pizzaiolo di Quartu Sant’Elena Cristian Tolu si è classificato primo nella categoria Pizza in Pala e secondo nella categoria Pizza in teglia al Campionato Nazionale Pizza Doc svoltosi nel fine settimana (11-12 novembre) a Nocera Inferiore, in Campania (1 - 2).

La sua pizza fatta interamente di semola, con Mallone Irpino (un piatto contadino povero con erbe selvatiche e patate), Salsiccia fresca, Stracciatella di Bufala, Tarallo napoletano sbriciolato con mandorle ha stracciato gli avversari (3 - 4). 

Il Campionato Nazionale Pizza Doc, ormai giunto alla sesta edizione, ha visto la partecipazione di più di 350 pizzaioli e pizza chef provenienti da tutta Italia, con iscritti provenienti anche dall’Inghilterra, Irlanda, Spagna, Germania, Austria, Slovenia, Croazia ed altri Paesi, e oltre 30 aziende settoriali che hanno esposto la propria attività ed i propri prodotti all’interno dell’area Expo.

Il campano Gennaro Cirelli si è classificato Campione Nazionale Pizza Doc 2019. 

Organizzato dalla società “Giaccoli & partners”, l’evento è stato patrocinato dalla Regione Campania, Provincia di Salerno, Comune di Nocera Inferiore, da ConfCommercio Campania, Anicav e da molte associazioni di pizzaioli di tutto il territorio nazionale.

I giudici della competizione? Più di cento per valutare le oltre 1500 pizze suddivise in 12 categorie principali. A presiedere la giuria Barbara Guerra, ideatrice e curatrice della guida 50 Top Pizza e “LSDM”, con giornalisti, maestri pizzaioli, tecnici e food blogger. 

E Cristian Tolu, appassionatissimo di impasti e top creativi, l’ha spuntata su molti concorrenti, convincendo la giuria e portando a casa due coppe che faranno bella mostra di sé nella Pizzeria Brown che dirige da anni, coadiuvato dai suoi collaboratori. 

1

2

3

4

SPUNTI DI VISTA

EDITO

2020. Punto a capo. Si rincomincia, si svolta. Cosa ci aspettiamo? Un anno ricco di novità, di tendenze originali e inaspettate, di orizzonti tutti da scoprire, di linguaggi inediti dove la diversità sia una costante, ovunque e comunque (1). Questo è ciò che immaginiamo e che racconteremo, curiosi come sempre, variando la prospettiva in ogni momento, cercando di cogliere i germi, più o meno evidenti, del domani che verrà. E se volessimo indicare in una parola l'unico vero proposito da perseguire? No waste, due parole in realtà per non dimenticare l...