03dic 2018
Giochi da gatto
Impariamo a far divertire il nostro micio

I gatti hanno sempre voglia di giocare (1). E l'attività ludica riveste un ruolo fondamentale per l'equilibrio psicofisico di Felix. Gli permette infatti di sviluppare l'agilità, imparando a simulare tutti quegli atteggiamenti che saranno basilari in età adulta, come la caccia.

Certo, i gattini sono forse troppo esuberanti e non è inusuale trovarli appesi alle tende di casa o in altre strane posizioni. Niente paura però... superati i 6 mesi d'età, l'estrema vitalità sarà meno dirompente. Durante tutta la sua esistenza, comunque, il micio deve essere incoraggiato a giocare specie se resta in casa da solo per molte ore (2). 15 minuti al giorno di sano gioco e il nostro micio ne guadagnerà sicuramente in salute mentale e fisica! Una prassi facile e intelligente per fargli sfogare l'energia repressa, evitando che la incanali per altri scopi magari meno piacevoli. Ma che tipo di giochi possiamo improvvisare? Tra i giocattoli preferiti dai gatti ci sono le palline e le piume. La pallina può essere anche sostituita da una piccola pigna o da altri oggetti tondi. Così i tappi di sughero o le guarnizioni di gomma delle Moka. Ma anche le scatole di cartone (3 - 4) e i cilindri della carta igienica sono giochi ideali ed economici. Ogni gatto, poi, impazzisce di felicità ed è incuriosito di fronte a tutto ciò che penzola davanti al proprio naso. Provate con un pezzo di spago e un topolino di gomma legato all'estremità. Divertimento assicurato! Per voi e per il vostro micio!

Bando invece ai fischietti che piacciono ovviamente ai cani ma sono mal tollerati dai gatti che, per il loro udito fine, potrebbero esserne infastiditi.
Importante anche variare i giochi e non divertirlo sempre con lo stesso gadget. Anche loro hanno bisogno di stimoli diversi ogni giorno.
Che aspettate? Guardatevi intorno, avrete certamente una scatola di cartone avanzata dall'ultimo trasloco o una pigna del centro tavola natalizio.
Non resta che chiamare Felix...

1

2

3

4

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Tempo di belle giornate, tempo di convivialità. Questo è il lusso "secondo me". Quel tempo, anche vuoto, da dedicare a se stessi, il dolce far niente, senza ansia, scadenze o stress. Per sognare, meditare, lascia liberi i pensieri e, sopratutto per conversare con gli amici (1). Senza cerimonie, senza formalità o obblighi. Magari intorno a un tavolo (2 - Tognana: ciotole Zoe), all'aperto, a "chiacchiera" come dicono i toscani: a gustare asparagi freschi (3 - verdi, bianchi o violetti) o verdure come i sempre amati f...