16nov 2019
Firenze - Teatro: esperienza immersiva al Tenax Theatre
16, 20 e 28 novembre - Termina il progetto di Giancarlo Cauteruccio e Massimo Bevilacqua

Oggi 16 novembre alle ore 23,30 da non perdere il primo appuntamento di Tenax Theatre con una vera e propria incursione all'interno di una delle più iconiche serate del Tenax degli ultimi 15 anni, quella del Fragola's Night (1). Massimo Bevilacqua crea quattro installazioni/performance, riunite sotto il titolo di "Reactive Bodies", pensate per prendere corpo durante la serata, invadendo ad intermittenza lo spazio della storica sala di via Pratese con azioni e ambienti, dislocati in diverse postazioni. Reactive bodies vede la partecipazione  in scena di Martina Bartolini, Claudia Felici Ares, Matilda Mancuso, Lapo Nannini, Sara Zannoni e le luci di  Giacomo Ungari. Un Live painting digitale, un'installazioni interattiva, azioni performative e elaborazioni di visual in tempo reale cattureranno lo sguardo di giovani osservatori inusuali, offrendo loro nuove sollecitazioni percettive.

Ma non è tutto... 

Mercoledì 20 novembre alle ore 21 il Tenax Theatre offre una nuova occasione di incontro tra maestri e giovani artisti nella serata dal titolo  Musica su due dimensioni - azioni e interazioni tra suono, luce, spazio con Roberto Fabbriciani e 15 allievi del conservatorio Cherubini.

Sarà infatti il M° Roberto Fabbriciani (2), interprete internazionalmente riconosciuto per la sua ricerca nell'innovazione della tecnica flautistica, a portare sul dance floor di uno dei luoghi di culto del nightclubbing italiano e oltre la musica del grande Bruno Maderna con Musica su due dimensioni, per flauto e nastro magnetico.

L’esecuzione vedrà protagonista il flautista toscano nelle due versioni della composizione , quella del 52 e quella del 57, molto diverse tra loro. Il manoscritto della prima fu donato da Maderna a Fabbriciani e rappresenta il primo esempio nella storia della musica di un duetto tra uno strumento acustico e nastro magnetico. Il percorso di interazione con  i  giovani del Conservatorio "Luigi Cherubini"  prevede a seguire  l’esecuzione dell’opera Zeus suona i flauti, scritta nel 2006  a quattro mani dal compositore belga  Henry Pousseur per la parte di nastro magnetico e per il flauto da Fabbriciani, il quale presenterà il lavoro puntualizzando l’aspetto della drammaturgia gestuale e della luce.

E ancora...

Giovedì 28 novembre alle ore 21 al Tenax Theatre convergeranno artisti visivi, attori, danzatori, performer, dj (3) in una serata aperta, una piazza notturna di incontro sull'arte intitolata KryptoNight.

KryptoNight – Una festa per l'arte è un open party dedicato ai linguaggi dell'arte al quale sono invitate personalità della cultura e della formazione tra cui esponenti del  Museo Novecento, Museo Marino Marini, Fondazione Palazzo Strozzi, Murate Art District, Manifattura Tabacchi, Accademia di Belle Arti di Firenze, DIDA, SRISA, Fabbrica Europa/Parc, Collezione Gori/fattoria di Celle, Arte in Fabbrica, Galleria il Ponte, Artisti per Frescobaldi e vedrà la partecipazione di artisti, curatori e critici dei diversi linguaggi contemporanei insieme a galleristi e collezionisti.Durante la serata sono previste proiezioni di opere video e performance.

 

Il progetto TENAX THEATRE è prodotto da TS Krypton con il sostegno di Comune di Firenze e Fondazione Cr Firenze, in collaborazione con Tenax, Accademia  di Belle Arti e Conservatorio Luigi Cherubini e con il patrocinio della Regione Toscana.

1

2

3

Photo Credits

Photo 2 : Silvia Lelli

SPUNTI DI VISTA

EDITO

2020. Punto a capo. Si rincomincia, si svolta. Cosa ci aspettiamo? Un anno ricco di novità, di tendenze originali e inaspettate, di orizzonti tutti da scoprire, di linguaggi inediti dove la diversità sia una costante, ovunque e comunque (1). Questo è ciò che immaginiamo e che racconteremo, curiosi come sempre, variando la prospettiva in ogni momento, cercando di cogliere i germi, più o meno evidenti, del domani che verrà. E se volessimo indicare in una parola l'unico vero proposito da perseguire? No waste, due parole in realtà per non dimenticare l...