18gen 2021
Sardegna - Upper House: l'innovativo progetto di Simona Deschino
A giorni l'inaugurazione...

Conosciutissima a Cagliari come food blogger, influencer e organizzatrice di eventi privati, Simona Deschino si è lanciata a capofitto in un progetto che neppure il Covid è riuscito a fermare, il suo nuovo locale Upper House, al centro di Cagliari, dove si prepara a ricevere, cucinare, organizzare corsi ed eventi. 

UH (Upper House) è davvero un nuovo progetto nel panorama ristorativo di Cagliari. La titolare e chef del locale, Simona Deschino, ha voluto ricreare un ambiente che ricorda l’interno di un’elegante casa inglese (1 - 2 - 3). A noi ricorda molto lo stile Regency, di moda in Inghilterra nel primo quarto del XIX secolo, ora di nuovo alla ribalta anche grazie ai romanzi che sono stati trasposti nel serial di successo mondiale Netflix, Bridgerton.

E con lo stile Regency nel 2021 torna il desiderio di bellezza, di coccole, di ambienti caldi ed accoglienti, eleganti e al tempo stesso “bozzolo” per esperienze culinarie, in attesa di tempi migliori (4). 

Informalità ed eleganza di UH rappresentano un mix che fa da cornice ad una cucina raffinata e ricercata, che non perde però di vista la semplicità dei sapori e la preferenza verso le materie prime locali. La cucina a vista fa da trait d’union fra la sala e i fornelli (6).

La proposta si articolerà in due percorsi degustativi (adesso a pranzo viste le norme dell’attuale DPCM, quando sarà possibile a cena) nel fine settimana; il Tea delle cinque in stile inglese (che al momento si anticiperà come orari per via dell’emergenza Covid) e le Apericene (Uppericene) con sfiziosi finger food salati (al momento spostati all’ora di pranzo). Infine UH ospita anche una scuola di cucina che ospiterà Chef e Pasticcieri nazionali ed internazionali. 

Per aggiornamenti conviene d’occhio la pagina Facebook di Upper House Cagliari:

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Un cliché decisamente intramontabile quello del plaid, caldo, “fluido” nel senso di trasportabile ovunque, sulla poltrona davanti alla tv, in camera da letto anche se la casa è ben riscaldata (1). Cosy è cosy, e sopratutto sta bene là dove si dimentica, senza compromettere lo stile domestico, qualunque esso sia: lo si getta sul divano, lo si riprende, si piega, si ripone nell'armadio, il più delle volte ritorna etc… Mai senza! Come il mitico tubino nero.  E a seconda dei propri fantasmi invernali, lo si può accompagnare a una vellutata fuma...