04gen 2021
Parliamo di agricoltura...
Per gli italiani, una buona opportunità di lavoro

Un italiano su tre (32%) vede nell'agricoltura un interessante ambito di lavoro, un settore ampio e diversificato in cui sviluppare competenze e crescere professionalmente (1).

È il dato che emerge dall’ultima ricerca dell’Osservatorio Reale Mutua dedicato a questo settore. Un dato importante se si considera anche l'anno "critico" appena terminato. L'attività agricola (2), può essere, in particolare, un buono sbocco lavorativo per i giovani (37%), capace di dare soddisfazioni e di trasformare una passione in una professione (3). Le nuove generazioni, dicono gli italiani, possono trovarvi una realtà formativa e altamente stimolante (19%), per quanto piuttosto faticosa (19%). Non pochi gli aspetti positivi: tra i principali, per quasi uno su due (42%) offre l’opportunità di riavvicinarsi alle tradizioni e al territorio e un ulteriore 38% sottolinea il senso di realizzazione che deriva dal veder concretizzarsi davvero gli sforzi compiuti col proprio lavoro (4).

Ma cosa rappresenta l’agricoltura agli occhi degli italiani? Un terzo degli intervistati (32%) la associa alla parola tradizione, e quindi al legame con i valori e le specificità del territorio, e un ulteriore 26% la connette all’idea di salute e sana alimentazione. Per un italiano su cinque, invece, il primo pensiero è quello della fatica connessa al lavoro nei campi (19%), mentre per il 15% agricoltura vuol dire soprattutto Made in Italy e le sue eccellenze (5).

La pandemia ha avuto indubbie ripercussioni sul settore, che ad esempio – stima il CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) nel suo ultimo bollettino CreaAgritrend - ha visto una riduzione del 12,8% del PIL agricolo nel secondo trimestre 2020 rispetto ai tre mesi precedenti. Ma, insieme a ciò, l’agricoltura si trova ad affrontare anche altre tematiche ormai entrate nel percepito degli italiani: in primis quella del cambiamento climatico e dell’inquinamento (56%). Un intervistato su quattro (26%) cita anche i limiti spesso posti da normative vincolanti e un ulteriore 8% individua tra i fattori contrari la diffusione sempre maggiore di mode che promuovono prodotti alimentari esotici.

 

1

2

3

4

5

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Un cliché decisamente intramontabile quello del plaid, caldo, “fluido” nel senso di trasportabile ovunque, sulla poltrona davanti alla tv, in camera da letto anche se la casa è ben riscaldata (1). Cosy è cosy, e sopratutto sta bene là dove si dimentica, senza compromettere lo stile domestico, qualunque esso sia: lo si getta sul divano, lo si riprende, si piega, si ripone nell'armadio, il più delle volte ritorna etc… Mai senza! Come il mitico tubino nero.  E a seconda dei propri fantasmi invernali, lo si può accompagnare a una vellutata fuma...