16dic 2015
Pangea
A Lingotto il tavolo che unisce

Dall'Expo 2015 arriva a Torino nel piazzale di fronte a Eataly Lingotto, Pangea (1) il tavolo in legno di 80 m2 progettato dal famoso architetto Michele De Lucchi per Riva 1920, nota azienda di Cantù specializzata nella produzione di arredi in legno.

Esposto per 6 mesi al Padiglione Zero, l'imponente tavolo prende il nome da Pangea, unico continente che in origine si ritiene includesse tutte le terre emerse e che durante le successive ere geologiche si è diviso nei vari continenti.

Un vero simbolo dell’unione di tutti i paesi attorno al tema universale del cibo, che unisce andando oltre i pregiudizi e le differenze.

Eataly espone l'opera lignea mettendo nuovamente al centro dell'attenzione i valori dell'alimentazione sostenibile e il ruolo universale che il cibo può assumere.

L'inaugurazione della maestosa installazione svoltasi martedì 15 dicembre ha visto l'intervento e il contributo di personaggi illustri tra cui Il Sindaco di Torino, Piero Fassino, l'Amministratore Delegato di Expo 2015, Giuseppe Sala, Oscar Farinetti di Eataly e Maurizio Riva, presidente di Riva 1920 (2).

1

2

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Si sgranocchia, si assaggia (1), ci si abbraccia, si ride, si affetta, si sbuccia, si piange per le cipolle (solo per quelle?), si improvvisano prodezze culinarie (2), si “ruba” un calice di rosso prima che il pranzo (3) abbia inizio, si adagia il panettone sul piatto di portata, la salsiera d’argento? e, finalmente, si ode “a tavola!”, un eco, non solo profumato, che si diffonde in tutta la casa e accarezza gli animi (e la gola) dei commensali che, lesti, trovano posto al convivio solenne (4).   Lo avete capito, spaccati di vita...