26giu 2018
Toscana Musica - Capoliveri – Isola d’Elba
La musica incontra la natura con la nuova edizione del Magnetic Opera Festival

Fra il 9 e il 23 luglio 2018, va in scena nella suggestiva cornice dell'Isola D'Elba, la quarta edizione del Magnetic Opera Festival, evento musicale firmato dall’Associazione Culturale Maggyart. Un duplice palcoscenico di grande bellezza, affacciato sul mare e pronto ad ospitare 6 appuntamenti di lirica e di danza. L’idea del Festival è infatti, fin dall’origine, quella di portare la musica classica in luoghi poco convenzionali.
Fra i protagonisti del Festival, la star della danza Giuseppe Picone, il cantante-attore Elio, i Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino. Gli spettacoli veri e propri, che si terranno in orario serale, saranno preceduti da un ciclo di “Matinée” musicali, dalle ore 10 in Piazza Matteotti, che aiuteranno il pubblico e i turisti dell’isola ad immergersi a 360° nel clima del festival. Il Magnetic Festival verrà inaugurato lunedì 9 luglio alle ore 22 in Piazza Matteotti a Capoliveri con un omaggio a Rossini nel 150° anniversario della morte. “Vieni che ti racconto il Barbiere” sarà una piacevole scorribanda fra le pagine più belle del capolavoro di Rossini. Il pubblico potrà ascoltare gli estratti principali del Barbiere di Siviglia, mirabilmente legati dalla voce di Gioachino Rossini stesso, interpretato da un noto doppiatore televisivo e cinematografico, in un viaggio nel tempo fino all’anno 1816, quando il Barbiere debuttò al Teatro Argentina di Roma. Il testo narrativo è scritto con mano leggera e divertente, così da poter avvicinare ad un pilastro del melodramma anche un pubblico giovane e inesperto.
Giovedì 12 luglio l’appuntamento sarà alle ore 21.30 alla Miniera del Ginevro con un altro gigante del melodramma, Giacomo Puccini. Il palcoscenico naturale della cava farà da sfondo a “Madama Butterfly”, dramma psicologico centrato sulla figura di Cio Cio San, sposa bambina illusa, abbandonata e suicida. Nel suo incedere implacabile verso la catastrofe finale, questa “tragedia giapponese” mette in scena il contrasto tra culture lontane, ma profuma anche di poesia, grazie ai colori esotici della partitura. Fu rappresentata per la prima volta alla Scala di Milano il 17 febbraio 1904, riscuotendo un insuccesso clamoroso e doloroso per Puccini ma, dopo un lavoro di revisione, divenne una delle opere più eseguite di tutti i tempi.
Un altro spettacolo misto di musica e narrazione, con un interprete d’eccezione, è in programma lunedì 16 luglio alle ore 22 in Piazza Matteotti. “Madamina, il catalogo è questo” unisce artisti diversi con un intento comune, quello di offrire un garbato itinerario musicale attraverso le pagine più brillanti di alcuni sommi capolavori, dal Barbiere di Siviglia al Flauto magico, da Don Giovanni ai Racconti di Hoffmann. Protagonista, nella duplice veste di baritono e di voce narrante, sarà Elio, ex-leader del gruppo Elio e le Storie Tese, che qui fa tesoro della sua formazione classica (è diplomato in flauto traverso al Conservatorio). Accanto a lui il seducente soprano Scilla Cristiano, Gabriele Bellu (violino), Luigi Puxeddu (violoncello), Andrea Dindo (pianoforte), e Pamela Morgia (flauto).
Si torna alla Miniera del Ginevro martedì 17 luglio alle 22 per una serata con una stella italiana della danza, il napoletano Giuseppe Picone. Erede della luminosa tradizione dei coreografi partenopei che, fin dal Settecento, resero famoso il Teatro San Carlo in tutta Europa, Giuseppe Picone ha debuttato a dodici anni accanto a Carla Fracci, per entrare poi a far parte di compagnie prestigiose come l’English National Ballet di Londra e l’American Ballet di New York. Antidivo amatissimo nella sua città, Picone non disdegna di portare anche sulle passerelle della moda la sua innata eleganza di danzatore.
Un doppio appuntamento con la lirica chiude il Festival alla Miniera del Ginevro.
Venerdì 20 luglio, alle 21.30, ritorna la musica di Puccini con “Tosca”.
Andata in scena per la prima volta a Roma nel gennaio dell’anno 1900, Tosca si è da subito affermata come una delle opere più drammatiche dell’autore. Al centro della trama svetta la magnetica protagonista, cantante lirica innamorata del pittore Cavaradossi e pronta per amore a compiere i gesti più terribili, dall’uccisione del torvo Scarpia allo scenografico suicidio finale, in cui si getta dagli spalti di Castel Sant’Angelo. L’esecuzione è affidata alla compagnia Fantasia in Re diretta dal maestro Stefano Giaroli.
Gran finale al Ginevro lunedì 23 luglio alle 21.30, con le atmosfere spagnole della “Carmen” di Bizet. Alle origini del testo vi è una celebre novella di Mérimée, la cui protagonista, una gitana passionale e libera da ogni vincolo, appare decisamente audace per i tempi. Carmen è sensualità ardente e sfrenata, è una vicenda di sangue e di morte, in un contesto dalla forte accentuazione popolare, tra toreri e sigaraie. Smagliante la tavolozza orchestrale, che usa con sapienza i flati e le percussioni, tra le quali fanno capolino le nacchere, omaggio dell’autore francese all’ambientazione sivigliana del dramma.

Magnetic Opera Festival è realizzato da Maggyart, con il patrocinio del Comune di Capoliveri.

In caso di maltempo, i concerti in miniera saranno rinviati al giorno successivo.

Biglietti
I concerti in Piazza Matteotti sono ad ingresso gratuito.
Per gli appuntamenti nella Miniera del Ginevro biglietti a partire da euro 21,50
Abbonamenti per l’intero Festival a partire da euro 121,50.

SPUNTI DI VISTA

EDITO

State leggendo queste righe? ebbene sì, l’estate sta per essere archiviata e siamo pronti a riprendere le nostre attività quotidiane. Chi, come nulla fosse, vive questo passaggio in tutta armonia e scioltezza, chi invece soffre di irritabilità, stanchezza, insonnia, in una parola è vittima della sindrome da “rientro”.
Nulla di grave certo, e neppure di irrimediabile ma una ripresa graduale può alleviare il malessere diffuso dei più sensibili. Come? A settembre, almeno fino all’equinozio d’autunno (il 22), le giornate sono ancora lunghe e tutte da inventar...

 

 

SIAL bann it 728x90 distribuzione moderna 002


FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.