10ott 2019
Sake - Il Giappone in un bicchiere

Dopo la splendida cucina, i manga (comics) e gli anime (cartoni animati), un'altra eccellenza made in Japan è certamente il Sake che, da qualche tempo, sta conquistando nuovi mercati - servito nei migliori ristoranti al mondo o mixato da barman prestigiosi - fuori dalle frontiere dell'arcipelago. Se siete dei cultori della civiltà del Sol levante o semplicemente amate l'aroma semplice di questa bevanda degli Dei vecchia di 2.500 anni, vi consigliamo di leggere (e rileggere) il bel manuale di Marco Massarotto, imprenditore nel campo della comunicazione digitale e sopratutto grandissimo conoscitore del Giappone e della sua cultura, "Il Giappone in un bicchiere" edito Quinto Quarto. Un elegante cartonato di oltre 180 pagine, dalla grafica accattivante curata da Agnese Pagliarini, che si presta per un regalo certamente gradito, dove è possibile cogliere tutti gli aspetti di questo prodotto unico per qualità e storia. Così l'autore ne narra le origini, le diverse tipologie, i segreti del servizio (caldo o freddo?), gli abbinamenti e il suo utilizzo in cucina.

Bevanda a base di riso e acqua, non è un liquore da bere a fine pasto - come invece molti di noi credono - ma da consumare accostandolo al cibo, proprio come il vino. "il Sake, come il suo ingrediente principale, il riso, è molto versatile e complementare con il cibo". Difficilmente litiga con le pietanze che lo accompagnano, tanto da collaborare con quasi tutti i piatti. Ecco che Massarotto racconta le 5 regole di abbinamento, tra cui l'ottimo matrimonio con il formaggio. Naturalmente non mancano alcune ricette a base di liquore nipponico come le Vongole al sakè e alcuni Cocktail capaci di valorizzarlo al meglio. 

Il libro merita, se non altro perché permette un vero e proprio "bagno" di arte millenaria della prelibata bevanda tanto amata da Geisha e Samurai. Un altro elemento prezioso del soft power giapponese che, speriamo, trovi sempre più apprezzamento nel nostro quotidiano. 

 

Sake. Il Giappone in un bicchiere

di Marco Massarotto

Pp: 190

Editore: Quinto Quarto

Prezzo: € 22,00

 

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Pioggia, nebbia, freddo, neve. L'inverno, finalmente (1). Almeno dal punto di vista meteorologico perché mentre vi scrivo in realtà siamo ancora nella fase di passaggio autunnale. L'inverno, ufficialmente inizia il 21 dicembre. Ma il tepore casalingo, il clima uggioso e umido, le giornate più corte e sopratutto il Natale che incalza inesorabilmente mi fa venir voglia di cotture lente come il brasato o un sugo che crogioli a lungo. E ancora polenta (2), risotto magari con zucca e castagne (3), zuppe corroboranti (4). E le verdure? In Lombardia andiamo pazzi per la verza (5). In Toscana, dov...