11dic 2017
LA NUOVA MAPPA DEL MONDO SEMPRE CONNESSO

Buttate via quelle mappe colorate, e quei planisferi. O meglio, ripiegateli e conservateli in un cassetto, a imperitura memoria di un mondo che fu, e che non esiste più. Si tratta di pensare al globo in termini di connessioni, linee di trasporto, infrastrutture energetiche, di comunicazione tra tutti gli abitanti e le risorse del pianeta.

Il brillantissimo stratega geopolitico Parag Khanna ci ha lasciato un testo che, secondo “Wired” è “forse il libro più globale mai scritto”; ma il pregio maggiore ci sembra un altro, e incredibile. Lo leggi dicendoti che no, tu non sei un economista, un esperto di geopolitica, di questi temi così importanti e strategici; eppure pagina dopo pagina ti accorgi che invece si parla di ponti e di strade, di megalopoli e di nativi digitali, di migrazioni e di decentramento. Ovvero, di quello di cui parla la gente, soltanto che il singaporense lo sa fare con una chiarezza, una sistematicità e una credibilità davvero insolite. “La vera mappa del mondo non dovrebbe rappresentare soltanto gli Stati, ma anche le metropoli, le autostrade, le ferrovie… i cablaggi per Internet e gli altri simboli della nostra nascente civiltà di network globali”. Ecco quel che conta, quel che si dovrebbe cogliere planando a volo d’uccello tra i continenti, eccoli i “tentacoli cinesi” e le megalopoli come Città del Messico, Chongquing o Manila, le megaregioni come il Grande Mediterraneo, e poi le reti delle diaspore, i flussi di risorse, beni, capitali, che hanno sempre la meglio sugli attriti (le guerre, le epidemie, le depressioni). E, ancora, le infrastrutture che “superano gli ostacoli della geografia naturale e di quella politica”, come il ponte autostradale e ferroviario di Oresund che ha connesso le economie di Copenaghen e Malmo arrivando a creare un’unica entità, oppure come il ponte a Y, con tanto di tunnel sottomarino che collega Honk Kong, Macao e Zhuhai, creando un vero e proprio arcipelago urbano. È il momento, dice ancora Khanna, di piegare la connettività quasi totale che ci lega a un progetto di sviluppo umano su vasta scala; di cogliere con ottimismo una nuova prospettiva che si sta facendo largo, nonostante tutto: quella di un mondo davvero senza confini. Una speranza, insomma, per un nuovo Rinascimento. Perché ricordiamo insieme a Khanna che “|le civiltà tendono piuttosto a connettersi che non a scontrarsi”.

 

Parag Khanna, Connectography. Le mappe del futuro ordine mondiale, Fazi, Roma, 2016, pp.614, 26 euro

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Verde, colore della speranza, della vitalità, dell’io, della fertilità e naturalmente della natura (1).
In attesa dell’estate, complice la rinnovata voglia di stare più tempo all’aperto, godendosi il tiepido sole durante i weekend, questo colore che infonde gioia e benessere, alimenta la nostra energia fisica e mentale. Indoor e outdoor, nell’architettura (2) ma anche verde urbano, in centro come in periferia, all’insegna, perché no, di un’ecologia sociale. In tutte le sue declinazioni e sfumature, stimola il desiderio di mettere alla prova il nost...

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.