02ott 2017
LA MUTAZIONE DIGITALE: ECCO COME STIAMO CAMBIANDO
Nella tana del Bianconiglio. Saggio sulla mutazione digitale

Sull’epocale cambiamento che stiamo, vivendo - connessi come siamo 24 ore su 24 - è davvero difficile interrogarsi. Prova a farlo Rossano Baronciani, insegnante di Etica della Comunicazione, in un testo agile e gradevole. Stiamo vivendo, oramai dobbiamo esserne consapevoli, una vera e propria mutazione antropologica, un cambiamento radicale del nostro pensare e agire. Internet non è semplicemente uno dei nuovi media, ma un enorme, immaginaria scatola che li contiene tutti, adatto a ogni linguaggio. Stiamo trasformando il nostro corpo, la nostra identità, la nostra prospettiva, la percezione, persino, di cosa sia giusto e cosa errato. Il tema è: ora che siamo cambiati, o perlomeno lo stiamo facendo, come rapportarci al prossimo? La “presenza”, la voce, il contatto, non ci sembrano più necessari, consci come siamo – ma non siamo sbagliando che tablet e smartphone  ci facilitino la vita. Siamo davvero connessi al mondo o semplicemente “alone together”, ansiosi, inquieti, e quindi profondamente tristi? L’interattività, che ci illude di essere sempre partecipi non sarà in fondo un (crudele) gioco e quindi un inganno?  La riflessione di  Baronciani è seria e la citazione del Bianconiglio di Lewis Carrol tutt’altro che casuale: il rischio è che quella tana si riveli tanto profonda da disorientarci definitivamente. Forse sarebbe meglio frenare un po’, alternare strumenti educativi e informativi vecchi e nuovi, piuttosto che perseguire l’idea di un progresso sempre “necessario”. E chissà se, a salvarci, non  saranno come sempre i bravi insegnanti. 

 

Rossano Baronciani

Nella tana del Bianconiglio. Saggio sulla mutazione digitale

Effequ, Orbetello, 2014

Pp.135

12,00 euro

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Devo confessare che l'ultima riunione di redazione per discutere su argomenti utili, anche e soprattutto, per il prossimo editoriale, è stata come pervasa, almeno in principio, da un mood vagamente annoiato. Sì, avete capito bene… il tema era il Natale che verrà (1). Ed ecco quindi i soggetti che uscivano dal brain storming fiorentino: "Il piacere di donare e di ricevere", "Dare come parola talismano, che fa crescere", "Natale anniversario del cuore, il momento per recuperare dal solaio le statuine per il Presepe", "Albero si o albero no", "I mercatini di Natale più belli d...

 

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.