17nov 2017
La ciotola Veg

Ammettiamolo: a volte il nostro cane ci ha salvato da quelle sceneggiate in stile soap opera argentina, quando seduti a tavola di fronte a piatti troppo abbondanti o decisamente repellenti per il nostro palato fanciullino, l’ultima idea che ci passava per la testa era mangiare... Con il nostro fedele alleato accucciato sotto la sedia, semicoperto dalla tovaglia, ma attento a ogni minimo movimento, affrontare un pranzo o una cena non era un’impresa così ardua. Si abbassava con nonchalance il braccio e voilà... il boccone era sparito, tra rumori gioiosi e schiocchi di lingua soddisfatti.
Per anni cani e gatti sono stati alimentati con gli scarti della cucina e con quello che offriva la vita all’aria aperta, ma negli ultimi tempi il cibo industriale ha preso possesso delle loro ciotole.
Crocchette dall’odore pungente, carne in scatola dall’aspetto vagamente horror con pezzetti lucidi di grasso, immersi in un liquido viscido di oscuri natali... Leggere l’elenco degli ingredienti è scivolare ancora di più nell’abisso, poiché quella che comunemente viene indicata come “carne” in realtà è un indecente guazzabuglio di scarti animali, arricchito con conservanti e appetizzanti. Perché sottoporre i nostri amici a una dieta così repellente?
Mara di Noia, veterinaria e appassionata di ingredienti sani e naturali, è un’esperta di cucina vegana e una grande sostenitrice di questo tipo di alimentazione anche per gli animali domestici. In questo libro troverete ricette di facile esecuzione per i vostri amici a quattro zampe e una sana dose di spirito critico unito a tanta praticità. In un sol colpo, potrete servire un pranzo o una cena per tutta la famiglia, animali compresi, con un evidente risparmio di tempo e denaro. Queste pagine vi faranno capire che prendersi cura di tutta la famiglia senza ricorrere al cibo spazzatura è possibile e anche molto divertente. Provate.


LA CIOTOLA VEG
Mara di Noia

Guido Tommasi Editore

112 pagine
Prezzo: € 11

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Devo confessare che l'ultima riunione di redazione per discutere su argomenti utili, anche e soprattutto, per il prossimo editoriale, è stata come pervasa, almeno in principio, da un mood vagamente annoiato. Sì, avete capito bene… il tema era il Natale che verrà (1). Ed ecco quindi i soggetti che uscivano dal brain storming fiorentino: "Il piacere di donare e di ricevere", "Dare come parola talismano, che fa crescere", "Natale anniversario del cuore, il momento per recuperare dal solaio le statuine per il Presepe", "Albero si o albero no", "I mercatini di Natale più belli d...

 

 

FoodMoodMag utilizza cookies proprietari di tipo tecnico e cookies di tipo Analitico ( Google Analytics ) per migliorare la navigazione. Cliccando sul pulsante "Accetto" dai il tuo consenso e permetti a FoodMoodMag di salvare questi dati sul tuo computer.