17dic 2019
Firenze - Cosa vedere durante le vacanze di Natale
Galleria dell’Accademia e Uffizi aperti nei due lunedì del 30 dicembre e del 6 gennaio

L’arte sarà il regalo di Natale che le Gallerie degli Uffizi metteranno sotto l’albero per turisti e fiorentini. La Galleria dell’Accademia di Firenze, gli Uffizi, Palazzo Pitti e il Giardino di Boboli resteranno visitabili in via del tutto straordinaria anche con aperture prolungate serali. 

Gli Uffizi e la Galleria dell’Accademia, infatti, saranno entrambe straordinariamente aperte lunedì 30 dicembre e lunedì 6 gennaio dalle 8,15 alle 18,50 (ultimo ingresso, non prenotabile, ore 17,45).

Gli Uffizi e Palazzo Pitti saranno aperti anche per la vigilia di Natale e per l’ultimo dell’anno con chiusura anticipata alle ore 18 (ultimo ingresso alle ore 16,45, inizio delle operazioni di chiusura alle ore 17,35).

Nelle giornate del 28 dicembre e del 2 e 4 gennaio, gli Uffizi offriranno anche un prolungamento dell’orario di apertura dalle 19 alle 21 (ultimo ingresso alle ore 19,45 e inizio delle operazioni di chiusura alle 20,35). Infine, il Giardino di Boboli sarà straordinariamente aperto per Capodanno, mercoledì 1 gennaio, dalle 10 alle 16,30 (ultimo ingresso, non prenotabile, alle ore 15,30).

“Mai come quest’anno – commenta il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt – apriamo i nostri musei nel periodo festivo tra  Natale e l’Epifania. Portate le vostre famiglie a vedere i capolavori dell’arte sacra e non solo, e in particolare venite ad ammirare La Vergine in adorazione del Bambin Gesù del Correggio, L’adorazione dei Magi di Leonardo, o il Trittico Portinari di Hugo van der Goes per rendere omaggio a questo momento speciale per tutta l’umanità”.

 

 

LE GALLERIE DEGLI UFFIZI

Piazzale degli Uffizi, 6

50122 Firenze

T +39 055 2388 831 

 

 

SPUNTI DI VISTA

EDITO

2020. Punto a capo. Si rincomincia, si svolta. Cosa ci aspettiamo? Un anno ricco di novità, di tendenze originali e inaspettate, di orizzonti tutti da scoprire, di linguaggi inediti dove la diversità sia una costante, ovunque e comunque (1). Questo è ciò che immaginiamo e che racconteremo, curiosi come sempre, variando la prospettiva in ogni momento, cercando di cogliere i germi, più o meno evidenti, del domani che verrà. E se volessimo indicare in una parola l'unico vero proposito da perseguire? No waste, due parole in realtà per non dimenticare l...