15feb 2019
Bilia, la lampada da tavolo di Giò Ponti diventa mini
Preview Design week

Semplicemente straordinaria. Eccola in tutta la sua naturale bellezza Bilia di Giò Ponti. Due elementi, due forme essenziali e riconoscibili: un cono e una sfera. In uno magnifico equilibrio delle proporzioni. FontanaArte anticipa la Design Week milanese con una prima capsule di Bilia Mini, realizzata in scala ridotta e con una gamma di “colori a spruzzo” che vanno dalle preziose finiture cromate e satinate ai pastelli pret-a-porter. Dove? Nel flagship store milanese di Corso Monforte e in una rete di negozi selezionati.
Misure, peso ed ergonomia sono stati pensati per piccoli secretaire, coffee table e comodini: un concept che racchiude l’heritage metafisico dell’epopea pontiana e il gioco cromatico e di finiture metalliche del lifestyle contemporaneo. Salotto milanese e Club Bar newyorkese.
“Analizzando l’identità di FontanaArte, è stato naturale scegliere come primo lancio della nuova strategia un oggetto che per forma, materiali e, non ultimo, autorialità esprimesse un immaginario essenziale e capace di dialogare generazione dopo generazione.” - afferma Giuseppe Di Nuccio, CEO di FontanaArte. “Il fondatore e Art Director di FontanaArte, Gio Ponti, previde una versione diversa per dimensione e cromie da quella che da decenni arreda spazi in tutto il mondo. Abbiamo trovato l’anima di FontanaArte e le abbiamo dato nuove emozioni di colore”.

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Che settembre strano, quante volte ve lo siete detti? Il mantra di tutti (credo) è e continua ad essere la parola "ripresa", la tanto citata ripartenza a cui ognuno di noi crede in modo diverso. Di certo c'è l'incerto, per usare un ossimoro. Sono tante le domande ancora senza risposta. Covid questo sconosciuto, come evolverà? Come sarà la scuola? E la "lotta alle classi pollaio"? Il sistema Paese riuscirà a reggere il collasso economico in atto? Come riprenderanno i grandi eventi tipo il Salone del Mobile o