Vinitaly 2019 - Valle d’Aosta
Degustazioni, incontri, eventi dedicati alla sua viticoltura eroica

Dal 7 al 10 Aprile 2019 torna Vinitaly, la manifestazione che rappresenta il sistema vitivinicolo in Italia e nel mondo (1 - 2), capace di tratteggiare ampi spazi che esaltano le qualità sensoriali ed emozionali del vino, in una cornice di relazioni e di affari di tono internazionale.
Vinitaly nell’edizione 2018 ha avuto numeri impressionanti: oltre 4 mila espositori, 130 mila visitatori, dei quali 32.000 esteri, provenienti da 143 Paesi.
Ci aspettano come sempre quattro giorni di grandi eventi, rassegne, degustazioni e workshop mirati all’incontro delle cantine espositrici con gli operatori del comparto, congiuntamente ad un ricco programma convegnistico che affronta ed approfondisce i temi legati alla domanda ed offerta in Italia, Europa e nel resto del mondo.
La Regione Autonoma Valle d'Aosta sarà presente a Vinitaly 2019 con una stand dedicato alla più piccola regione d'Italia e alla sua viticoltura eroica (3). 

Lo spazio istituzionale sarà coordinato dall’Assessorato del Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali in collaborazione con la Chambre valdotaine des entreprises, mentre le aziende saranno presenti sotto il coordinamento dell'Associazione Vival.
Presso lo stand, padiglione 12, saranno organizzate nella giornata di lunedì 8 aprile due conferenze stampa:
 ore 12 presentazione dell'evento Vins Extrêmes. A seguire degustazione dei migliori vini DOC della viticoltura eroica valdostana 
- ore 14.30 presentazione del Protocollo di Intesa per la Valorizzazione del binomio Fontina DOP -Tartufo bianco d'Alba. 
A seguire presentazione di alcuni piatti rivisitati dagli Chef dell'Unione Cuochi Valle d'Aosta. 

Per l'intera durata della manifestazione saranno inoltre organizzate alcune degustazioni, rivolte alla stampa e a numero contingentato di partecipanti, dedicate ai prodotti della filiera enogastronomica di qualità e ai vini DOC.
Le degustazioni guidate saranno improntate a far assaggiare i sapori più autentici attraverso il classico tagliere valdostano composto dalle quattro Dop della più piccola regione d'Italia: Valle d'Aosta Lard d'Arnad DOP, Valle d'Aosta Jambon de Bosses DOP, Fontina DOP e Valle d'Aosta Fromadzo DOP e da una serie di formaggi ricercatissimi dai cultori della materia, come il Crottin di capra e il Bleu d’Aoste, e i salumi tipici della regione dai Boudin alla Motzetta, alle gustose Saouseusses, sempre in abbinamento ai vini DOC valdostani.
Un’altra degustazione guidata ruoterà attorno alla scoperta di antiche ricette tramandate nel tempo che presentano la dolcezza e l'autenticità del Mécoulin, della Micoula e della Flantse, tre prodotti PAT (Prodotti Agroalimentari Tradizionali) della tradizione valdostana abbinati alla raffinatezza dei mieli e dei vini del territorio.


Le aziende valdostane presenti (fonte Vival) al Padiglione 12 (A3 B3 C3) di Vinitaly 2019 sono:
Cave des onze Communes
Cave Mont Blanc
Caves Cooperatives di Donnas
Edoardo Braga Viticulteur Encaveur
Grosjean Vins
Institut Agricole Régional
La Crotta di Vegneron
La Source di Celi Stefano
Les Crêtes Società agricola di Charrère & C. s.s.
Lo Triolet di Marco Martin
Maison Agricole D&D di Daniela Dellio
Maison Vevey Albert
Ottin Vini Viticulteur Encaveur
Rosset Terroir
Partecipano con i loro vini al banco d’assaggio
Chateau Feuillet di Fiorano Maurizio
La Crotta di Tanteun e Marietta
Pavese Ermes

1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Tempo di belle giornate, tempo di convivialità. Questo è il lusso "secondo me". Quel tempo, anche vuoto, da dedicare a se stessi, il dolce far niente, senza ansia, scadenze o stress. Per sognare, meditare, lascia liberi i pensieri e, sopratutto per conversare con gli amici (1). Senza cerimonie, senza formalità o obblighi. Magari intorno a un tavolo (2 - Tognana: ciotole Zoe), all'aperto, a "chiacchiera" come dicono i toscani: a gustare asparagi freschi (3 - verdi, bianchi o violetti) o verdure come i sempre amati f...