18ott 2019
Sardegna - Un monte di sapori
Urzulei 19-20 ottobre 2019

Il viaggio multisensoriale di "Un Monte di Sapori" sta per cominciare, da domani sabato 19 fino a domenica 20 ottobre: musica, spettacoli e dibattiti e cibo tra le vie del paese con lo sguardo sul Supramonte. Prenotazioni del  volo sulla Gola di Gorropu quasi al completo.

Urzulei in festa si prepara ad accogliere i primi ospiti, Un Monte di Sapori è alle porte. Nel paese sospeso tra le rocce, da domani e fino a domenica saranno i giorni ideali per vivere la montagna in autunno. Da tutta l’isola arrivano gli ospiti, gli artisti e gli artigiani per una due giorni di degustazioni, arte e spettacoli. Il paese offrirà forti emozioni per il palato e il cuore. Da sabato 19 a domenica 20 ottobre 2019 si potrà partecipare alle visite guidate, alle escursioni al monte, vedere le antiche domos, ascoltare le conferenze e assistere agli spettacoli; pranzare e cenare nel centro storico. Dal campo sportivo del paese si potrà partire per un sorvolo in elicottero sulla Gola di Gorropu, il canyon più profondo d’Europa (1 - 2 - 3 - 4). Domani mattina alle 12 a 1.000 metri di altitudine con una vista privilegiata sulla vallata, ci si potrà immergere tra le vette del Supramonte nell’ovile di Sa Fossa ‘e s’Orrù. Il pastore Michele aspetterà gli ospiti per un insolito aperitivo e racconterà come vive il suo lavoro, soffermandosi sui segreti del suo mestiere, condividendo e degustando prodotti e tradizioni locali.

Un paese unico e autentico, complesso e creativo che merita più di una semplice visita. La ricchezza del panorama composito e ricco di sfumature sul piano di gusto, natura e cultura ha ispirato l’Associazione Culturale Atlantide per offrire nuove e innovative esperienze per i visitatori alla ricerca di nuove emozioni dal sapore moderno, eppure permeate da un’aria che si respira solo in questi luoghi custoditi dal Supramonte. 

 

Un Monte di Sapori è sostenuto dall'Assessorato al Turismo, Commercio e Artigianato della Regione e dalla Fondazione di Sardegna.

1

2

3

4

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Pioggia, nebbia, freddo, neve. L'inverno, finalmente (1). Almeno dal punto di vista meteorologico perché mentre vi scrivo in realtà siamo ancora nella fase di passaggio autunnale. L'inverno, ufficialmente inizia il 21 dicembre. Ma il tepore casalingo, il clima uggioso e umido, le giornate più corte e sopratutto il Natale che incalza inesorabilmente mi fa venir voglia di cotture lente come il brasato o un sugo che crogioli a lungo. E ancora polenta (2), risotto magari con zucca e castagne (3), zuppe corroboranti (4). E le verdure? In Lombardia andiamo pazzi per la verza (5). In Toscana, dov...