30set 2019
Sardegna - MaCè 2019: i dati, i protagonisti

Grande successo ieri 29 settembre a MaCè - di cui abbiamo già parlato il 10 agosto 2019 QUI - l’evento che mescolando arte, buon cibo e turismo lento ha saputo portare centinaia di persone a Gergei, piccolo borgo del Sarcidano, nel centro della Sardegna (1 - 2).

L’Associazione Mario Cesare, che preserva e valorizza la memoria dell’omonimo artista, pittore, poeta e scultore, cantore della vita rurale sarda, ha promosso l’evento MaCè coinvolgendo alcune importanti attività produttive e horeca della zona. 

Dall’Oleificio Cadoni di Escolca alle Cantine Olianas, dall’importante santuario nuragico di Santa Vittoria di Serri all’Agriturismo e glamping Is Perdas, dal B&B Domu Antiga al B&B Mario Cesare, al ristorante Beni Benius, la Proloco di Gergei, il Museo Marate e gli artigiani di Isili ed altri ancora (2 - 3).

I numeri sono stati importanti: 150 iscritti al pranzo sociale che si è svolto per le vie del paese, servito dalle cuoche del paese; le cinque tavolate, allestite lungo le vie, hanno visto tra gli ospiti la Rettrice Maria Del Zompo, il maestro ceramista Walter Usai, numerosi travel e food blogger, appassionati di fotografia, di buona cucina e turismo rurale (4 - 5 - 6). 

Ventiquattro gli iscritti all’Estemporanea, che hanno dipinto alacremente dalla mattina al tardo pomeriggio, con un ampio assortimento di tipologie artistiche, dal paesaggio all’astratto, al ritratto, alla composizione con elementi tradizionali, e tanti rimandi all’artista Mario Cesare.

Ecco i primi 6 classificati: 

1 - Piermario Laddomata (Foto 1 di apertura dell'articolo)

2 - Mario Gaspa

3 - Edoardo Murgia

4 - Sandro Marchi

5 - Antonio Milleddu

6 - Giovanni Giorgio Lai

Filippo Spanu dell’Associazione Mario Cesare: “Siamo soddisfatti, volevamo portare dei buoni numeri nel nostro paese e ci sono stati: abbiamo avuto ospiti appassionati ed attenti. L’evento è senz’altro da ripetere il prossimo anno”. 

Curatore della mostra Alessandro Pilia, esposizione che inaugura il 5 ottobre e finirà il 3 novembre con un bel finissage in coincidenza con l’inizio del festival Saboris Antigus; in occasione del finissage sarà decretato il premio del pubblico di una delle opere esposte, quindi il concorso è in un certo senso ancora aperto, poiché tutti i visitatori della mostra possono ancora votare il quadro a loro più gradito.

Intervistato lo storico dell’arte e curatore ci racconta che: “Si tratta di una collettiva che presenta tutte le opere dipinte durante la giornata del 29 settembre, con l’intento al momento della mostra di far parlare chiaramente le tendenze contemporanee della pittura in Sardegna”. 

Motivo in più per recarsi nel borgo di pietra e terra cruda del Sarcidano, per respirare arte contemporanea, godendo dell’incontaminato paesaggio rurale, fatto di vigne, uliveti e siepi di fichidindia. 

Giulia Lai, una delle anime del progetto MaCè: “Abbiamo coinvolto la nostra comunità, è un evento nato dal basso, plastic free, il più sostenibile possibile, in cui ogni persona che mi ci ha aiutato ad organizzarlo, dalle singole persone alle aziende, passando per le fantastiche cuoche del pranzo sociale, si è prestata con generosità per far funzionare tutto ed accogliere nel modo migliore i nostri ospiti”. 

 

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Lasciata la stagione più cada dell'anno, per noi della Redazione ne inizia un'altra ugualmente "bollente". Sì perché con l'autunno (1) ritornano i molti Saloni del settore food come Host (2) per il mondo Ho.Re.Ca a Milano (dal 18 al 22 Ottobre 2019), dell'interior design come Cersaie a Bologna (3) e del fashion (abbiamo appena concluso l'esperienza profumatissima di Pitti Fragranze a Firenze