18mar 2019
Preview Milano Design week 2019 - “La Foresta dei Violini”
L’omaggio di Piuarch alla foresta perduta della Val di Fiemme (TN)

In occasione della Milano Design Week 2019 dall’8 al 19 aprile 2019, sarà possibile godere di un'istallazione di grande suggestione: “La foresta dei violini”, progettata da Piuarch, studio di architettura milanese e sponsorizzata da CityLife, pensata per rappresentare in un segno il valore dell’Abete Rosso di Risonanza della Val di Fiemme (TN) (1 - 2).
Dietro questo progetto dall'alto valore artistico e culturale c'è l'ondata di maltempo con venti a 200 km orari che ha sconvolto un equilibrio secolare, abbattendo oltre 12 milioni di alberi lungo l’intero arco Alpino (3). Tra questi anche la Foresta di Paneveggio conosciuta anche come la “Foresta di Stradivari”. Luogo memorabile per gli “abeti rossi di risonanza” che vi crescono, dando vita a un legno da sempre utilizzato per realizzare le casse armoniche dei violini. Su concept progettuale di Nemo Monti, Piuarch ha definito un’evocativa installazione per il Cortile d’Onore dell’Università Statale di Milano all’interno dell’evento INTERNI HUMAN SPACES (4). “La foresta dei violini” evoca e racconta quel lembo di terra perduto diventando omaggio al territorio e alla natura violata che per anni ha regalato materie prime straordinarie per la creazione di strumenti musicali unici. Realizzata in legno grezzo, impiegando alberi spezzati e sradicati dal vento, “l'installazione rappresenta un luogo di memorie attive dove l’architettura è appoggio e sostegno".
Ma vediamo da vicino il concept che ad aprile sarà tra i protagonisti del Fuori Salone milanese...
Due grandi tronchi di abete rosso emergeranno dal loggiato del cortile dell’Università: le radici sospese sul vuoto si affacceranno a sbalzo dalla balaustra sulla corte, sorrette da un cavalletto architettonico realizzato in abete rosso lavorato. Alberi strappati dal vento... Tra cielo e terra resta l’architettura. Il cavalletto diventa mezzo di sostegno elementare, struttura dell’essenza, il manufatto ponte tra cose e idee.
“L'opera celebra l’architettura primordiale degli alberi e della foresta, rispettandone le strutture e le forme di intersezione con il pianeta e i suoi abitanti. Rievoca la capacità della natura stessa di parlare all’umanità, invitando a osservarla con discrezione, prendersene cura e seguirne l’ordine consueto“ - racconta Piuarch.
Il progetto è reso possibile grazie a CityLife, con il sostegno della Provincia Autonoma di Trento e della Magnifica Comunità di Fiemme che hanno provveduto alla fornitura del legno grezzo e lavorato.

LA FORESTA DEI VIOLINI
Progetto Piuarch
Concept Nemo Monti
Sponsor CityLife
Con il sostegno di: Provincia Autonoma di Trento, Magnifica Comunità di Fiemme Patrocinio Università di Trento
Fotografie foresta Leonhard Angerer
Partner
Luci L&L Luce&Light

Vernici ILVA

1

2

3

4

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Che colore sei? Anche se l'autunno vira su cromie come il marrone, l'arancione o il verde scuro, la Redazione ha votato all'unanimità per il rosa (1). Sì, proprio lui, emblema del romanticismo, della dolcezza, della femminilità, dello slow living. Ma il rosa è anche la tinta principe di quel nettare di Bacco particolarmente glamour e amato (non solo dalle donne) per il suo coté spesso fresco e fruttato, perfetto per accompagnare pietanze light come il pesce o come aperitiv...