22dic 2017
Piante nocive per cani e gatti
A Natale: incantevoli decori vegetali. Ma con attenzione.

Si sa, a Natale, piace a tutti addobbare casa con le tipiche e suggestive Stelle di Natale. Pennellate di colore rosso capaci, da sole, di creare la tipica atmosfera calda delle feste. Ma… è bene ricordare che queste belle piante devono essere posizionate lontane dai nostri amici a 4 zampe (1). L’Euphorbia pulcherrima, infatti, altresì chiamata Stella di Natale (2), contiene nelle sue foglie una linfa biancastra tossica per cani e gatti, inducendo, se sbocconcellata, vere e proprie patologie come congiuntivite, vomito, dissenteria o dermatite.

Non solo stella, però… altri vegetali decorativi, protagonisti soprattutto in questo particolare periodo dell’anno, come il vischio o l’agrifoglio, rappresentano un grande pericolo per i pelosi che vivono con noi. Le bacche, in particolare, se ingerite in grande quantità, causano forti dolori addominali fino a veri e propri spasmi motori. Addirittura un animale di taglia media, può morire, se ne ha ingerite una dose elevata.

E, infine, un occhio anche a abeti e pini: i loro aghi, se ingoiati, diventano, facilmente, la causa di ostruzione gastrointestinale, anche grave.

Nella preparazione e nell’allestimento domestico per il giorno più atteso dell’anno, non dimenticate, quindi, la presenza dei quadrupedi (oltre che dei bipedi). Un piccolo gesto, un’attenzione in più per evitare tristi e drammatiche sorprese.

Buon Natale!

1

2

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Pioggia, nebbia, freddo, neve. L'inverno, finalmente (1). Almeno dal punto di vista meteorologico perché mentre vi scrivo in realtà siamo ancora nella fase di passaggio autunnale. L'inverno, ufficialmente inizia il 21 dicembre. Ma il tepore casalingo, il clima uggioso e umido, le giornate più corte e sopratutto il Natale che incalza inesorabilmente mi fa venir voglia di cotture lente come il brasato o un sugo che crogioli a lungo. E ancora polenta (2), risotto magari con zucca e castagne (3), zuppe corroboranti (4). E le verdure? In Lombardia andiamo pazzi per la verza (5). In Toscana, dov...