22mag 2020
Nieddittas regala ai ristoratori la prima fornitura di cozze
Fare sistema per superare la crisi

Il brand che gestisce l'intera filiera della mitilicoltura nel Golfo di Oristano (1), sul mercato da oltre 50 anni, è a fianco dei ristoratori (2) e, per supportarli in questa fase 2 di riavvio delle attività, ha deciso di regalare la prima fornitura di cozze (3). Si crea così un circolo virtuoso di aiuto reciproco tra la filiera della pesca e il comparto della ristorazione.

Un bel gesto, proprio ora che, gran parte del fuori casa anche se non tutto purtroppo, tra incertezze, fatiche e voglia di rilancio, riapre i battenti delle propri locali. Per fortuna, secondo una recente indagine realizzata da Nomisma per l’Osservatorio Lockdown, tra le prime esperienze che gli italiani intendono fare riconquistata la "libertà" c’è proprio il ristorante.

“Il settore della ristorazione, come quello della pesca, sta scontando gli effetti del lockdown. In questa situazione così unica e particolare è importante fare sistema e impegnare ogni risorsa disponibile per sostenere le aziende della filiera ittica e i ristoranti, componenti essenziali del nostro tessuto imprenditoriale e sociale”, spiega Caterina Murgia, amministratore delegato di Nieddittas

Le cozze potranno essere ritirate presso le sedi Nieddittas di Milano, Roma, Cagliari, Olbia e Arborea o potranno essere consegnate nei ristoranti che si trovano lungo gli itinerari abituali delle consegne a domicilio Nieddittas in Sardegna, a Milano, Monza, Bergamo e Roma. I ristoratori possono richiedere l’omaggio ai numeri 0783.800.496 int. 2 e 348.382.8862 (dalle 9:00 alle 17:00).

1

2

3

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Finalmente ci siamo! L'agognata libertà (ma sempre con il rispetto delle dovute regole di distanziamento sociale) è arrivata! (1 - 2 - 3)Un periodo buio, inaspettato, sofferto e sopratutto di grandi cambiamenti per cui molte porte si apriranno e altre si chiuderanno per sempre. Ci guardiamo indietro e ci sembra di aver attraversato un sogno con i contorni quasi di un incubo dove alcuni di noi, da ora in poi, rimetteranno in discussione la propria vita e se stessi.Ecco... ora è lecito chiedersi cosa ci rimane del lungo...