05nov 2020
Mangiar bene per preservare la salute
Nasce il progetto “FBO sempre con te” per combattere il cancro

Lo sapeva bene il compianto Professor Veronesi quanto un corretta alimentazione, meglio se green (1 - 2), sia alla base di un giusto programma di prevenzione oncologica. Non solo... Mangiar sano può aiutare i pazienti oncologici a mantenere o migliorare il peso in funzione dei trattamenti a cui sono sottoposti, offrendo un aiuto concreto nella gestione di alcuni sintomi e migliorando nel complesso la qualità della vita (3).

E proprio parlando del "male del secolo" una buona notizia per i pazienti affetti di tumore arriva dal progetto “FBO (Food Bank in Oncology) sempre con te”, realizzato dalla Fondazione TERA grazie al sostegno e al contributo del Consorzio Tutela Taleggio (4 - 5).

Ma di cosa si tratta nello specifico? Un’iniziativa che mette insieme le competenze cliniche di oncologi e nutrizionisti e la creatività di chef, stellati e non come Paola Naggi del ristorante Impero di Sizzano (No), per la creazione di ricette “prêt-à-porter” semplici, salutari, bilanciate ma anche buone. Veloci da preparare nella cucina di casa e comode da portate con sé durante i day hospital terapeutici (6) o di controllo, le ricette di “FBO sempre con te” permetteranno ai malati oncologici di evitare digiuni non programmati dannosi per la salute e allo stesso tempo di evitare il consumo di pasti presso bar e ristoranti che aumentano il rischio di esposizione al contagio da Covid19. Il tutto senza rinunciare al piacere di un piatto buono e gustoso.

Ora poi, in questa fase cross pandemica, il problema dell’alimentazione nel paziente oncologico, soprattutto fuori casa, si complica perché l’individuo vede aumentato il rischio per la propria vita a causa della fragilità del suo sistema immunitario.

Gaudenzio Vanolo segretario generale di TERA spiega: “grazie alla sensibilità e al sostegno del Consorzio del Taleggio abbiamo dato vita alla landing page “FBO sempre con te” che sarà uno strumento semplice, facilmente fruibile e gratuito disponibile sulla pagina web www.fbosempreconte.org già a partire dai primi giorni di novembre. Un aiuto pratico per migliorare la qualità della vita dei pazienti in terapia e in follow up post terapico e delle loro famiglie. Informazioni più dettagliate e approfondite si possono trovare su www.fboweb.it, la banca dati sull’alimentazione del malato oncologico”.

La Dott.ssa Maria Cristina Petrella, Dirigente medico Oncologia Medica AOUC Azienda Ospedaliera - Universitaria Careggi di Firenze e membro del Comitato Scientifico FBO spiega: “Stando alle attuali conoscenze, nei Paesi Occidentali, una percentuale intorno al 20 – 30% dei tumori potrebbe essere evitata grazie ad una dieta corretta, ma ricordiamo che la carcinogenesi è un processo multifattoriale ed è per questo che vanno analizzati anche fattori comportamentali, genetici, familiari, fattori espositivi (es fumo) e stili di vita. Un altro aspetto della nutrizione in oncologia riguarda i deficit nutrizionali e la perdita di peso che i pazienti subiscono in seguito ai trattamenti ed agli effetti collaterali. Rimane anche da considerare che l’emergenza sanitaria che stiamo vivendo ha notevolmente complicato le attese del paziente in ambulatori e day hospital portando spesso il paziente a digiunare. L’obiettivo di tale progetto è supportare una delle necessità del paziente oncologico come la nutrizione, proponendogli dei pasti che rispettano le raccomandazioni nutrizionali nel paziente oncologico”.

 

1

2

3

4

5

6

SPUNTI DI VISTA

EDITO

Che colore sei? Anche se l'autunno vira su cromie come il marrone, l'arancione o il verde scuro, la Redazione ha votato all'unanimità per il rosa (1). Sì, proprio lui, emblema del romanticismo, della dolcezza, della femminilità, dello slow living. Ma il rosa è anche la tinta principe di quel nettare di Bacco particolarmente glamour e amato (non solo dalle donne) per il suo coté spesso fresco e fruttato, perfetto per accompagnare pietanze light come il pesce o come aperitiv...